Biden non finanzierà il muro del Messico: cancellati i fondi di Trump

La prima proposta di budget di Joe Biden non prevede il finanziamento del muro del Messico. Il capo degli Stati Uniti, inoltre, ha richiesto la cancellazione dei fondi finalizzati ad esso che non erano ancora stati utilizzati durante la presidenza di Donald Trump.

biden
Joe Biden, il presidente degli Stati Uniti – meteoweek.com

L’anno fiscale 2022 negli Stati Uniti avrà inizio ad ottobre e Joe Biden ha già le idee chiare in merito allo stanziamento dei finanziamenti. La prima proposta di budget prevede lo stanziamento di 1,2 miliardi di dollari per la sicurezza e le infrastrutture alle frontiere. I fondi in questione, tuttavia, non saranno in alcun modo indirizzati al rafforzamento del muro del Messico.

Durante la presidenza di Donald Trump il progetto di realizzazione delle barriere al confine per contrastare migrazione illegale dal Sud America agli Usa era al centro dell’agenda politica. Il repubblicano riteneva la costruzione del muro “assolutamente cruciale per la sicurezza”, tanto da chiedere 5,7 miliardi di dollari di fondi e ottenerli tramite un ordine esecutivo. Nei mesi scorsi, dunque, sono state costruite oltre 20 chilometri di nuove recinzioni. Allo stesso tempo tante altre di quelle obsolete sono state rinnovate al fine di garantire il divieto di transito. Il cosiddetto muro della vergogna ha in questo modo raggiunto una lunghezza totale di 452 miglia.

Leggi anche -> Vaccini, seconda dose, l’Oms dichiara: “Nessun dato sulla loro intercambiabilità”

Il no di Biden al muro del Messico

Il muro del Messico non continuerà ad estendersi. Joe Biden, attraverso la sua agenda politica, ha infatti esplicitamente rinunciato a finanziare tale progetto. In particolare, sono stati bloccati gli ordini esecutivi emessi da Donald Trump con il pretesto della dichiarazione di emergenza. La legge, tuttavia, prescrive che le opere iniziate con i fondi federali già stanziati vengano portate a termine. È per questa ragione che il presidente degli Stati Uniti ha richiesto la cancellazione dei finanziamenti indirizzati verso la costruzione del muro che non sono stati ancora utilizzati.

muro del Messico biden
Un gruppo di giovani migranti del Messico spera di potere entrare negli Stati Uniti – meteoweek.com

Nel piano di budget di Joe Biden c’è piuttosto l’obiettivo di estirpare il problema alla radice. La volontà è quella di sostenere e sistemare 125 mila rifugiati nel 2022. I fondi richiesti a tal fine sono 4,3 miliardi di dollari. Di questi 1,2 miliardi saranno indirizzati alla sicurezza e alla costruzione di infrastrutture, ad esclusione appunto del democratico. L’emergenza, secondo il democratico, dovrebbe essere infatti arginata tramite servizi dedicati ai minori non accompagnati e tali da favorire il processo di riavvicinamento delle famiglie divise. I Democratici infatti intendono arginare l’arrivo illegale dei latinos dal Messico attraverso la regolamentazione dell’immigrazione. Senza, ovviamente, disattendere gli aspetti umanitari.

Leggi anche -> Principe Filippo morto, niente funerali di Stato: “Non li voleva”

In genere le spese per la difesa richieste ammontano a 753 miliardi di dollari. I fondi che dovranno essere destinati a settori diversi da quest’ultimo (tra cui, ad esempio, sanità, istruzione, lotta ai cambiamenti climatica e lotta alla povertà) saranno invece pari ad un totale di 770 miliari di dollari.