17enne aggredito a Colleferro: un mese prima il raid punitivo

Lorenzo Farina, uno degli arrestati per l’aggressione di Colleferro, già un mese prima si era reso protagonista di un ‘raid’ punitivo ai danni di un amico del 17enne vittima del pestaggio.

Pestaggio a Colleferro, un mese prima il raid punitivo – Meteoweek

Questo quanto emerso nella richiesta di convalida del fermo formulata dalla Procura di Velletri che contesta ai due indagati il reato di lesioni aggravate. “Farina – secondo quanto scritto dal pm Giovanni Taglialatela – si era già reso protagonista di un’aggressione a Segni” ai danni di un amico del minorenne, anch’egli coinvolto in questa prima vicenda. “A seguito di questa aggressione Farina aveva postato anche un filmato su Instagram”.

I fatti

Nel pomeriggio di sabato, racconta la vittima del primo raid, mentre si trovava nei pressi della piazza della Repubblica, scorgeva Farina, accompagnato dal suo amico Christian Marozza, che lo avvicinava ammonendolo: “tu sei quello di Segni… Non ti avevo avvertito che non saresti dovuto venire più a Colleferro“. Da qui “nasceva un assembramento spontaneo con il sopraggiungere di amici del Farina e del Marozza che cercavano di calmare soprattutto Farina – spiega il pm – che del tutto improvvisamente ha sferrato un pugno in volto” all’amico del 17enne “spaccandogli il labbro superiore e poi colpiva” la vittima “con un pugno al viso facendolo cadere a terra, e subito dopo Marozza sferrava un calcio al volto del minorenne che veniva spinto su una autovettura parcheggiata”.