Accoltella la compagna lasciandola in fin di vita a Ladispoli. Arrestato l’aggressore

Accoltella la compagna di 45 anni a Ladispoli. La donna è in fin di vita e l’uomo è stato arrestato.

Un uomo di 42 anni accoltella la sua compagna riducendola in fin di vita. E’ successo a Ladispoli lo scorso 15 aprile e ora i Carabinieri della Compagnia di Civitavecchia hanno arrestato l’artefice. Il 42enne di Grosseto, con precedenti, è stato arrestato in esecuzione di Ordinanza di Custodia Cautelare per i reati di lesioni personali aggravate, porto abusivo di arma bianca e tentata violenza privata. Il movente dell’accoltellamento è probabilmente una discussione per motivi sentimentali. Ora i carabinieri di Ladispoli hanno portato a termine l’operazione.

LEGGI ANCHE: Calabresi su arresto Pietrostefani: «Vederlo in cella non è di alcun risarcimento per noi»

L’aggressore ha aggredito la vittima, nonché sua compagna, con un coltello e l’ha colpita più volte alle gambe. Questi colpi le hanno provocato lesioni traumatiche a entrambe le arterie femorali. La donna è stata subito ricoverata in prognosi riservata, dopo che l’uomo l’aveva lasciata agonizzante in fin di vita.

Accoltella la compagna, arrestato l’aggressore

accoltella la compagna

Inoltre, l’uomo anche minacciato di ucciderla se avesse raccontato quanto accaduto, per poi dileguarsi. L’uomo ha fatto perdere le sue tracce fino ad oggi che ha portato l’attività investigativa dei carabinieri al suo arresto. Le forze dell’ordine sono tempestivamente arrivate sul posto e questo ha consentito loro di raccogliere le prove dell’aggressore.

LEGGI ANCHE: Tragico incidente in un cantiere Amazon: morto un operaio, 5 i feriti

Queste testimonianze della scena del crimine hanno delineato un chiaro quadro probatorio a carico del 42enne violento, evidenziando una piena intenzionalità nell’uso dell’arma bianca. Prime fra tutte, le condizioni sanitarie della donna e le lesioni subite. Il Tribunale della procura della repubblica di Civitavecchia ha avanzato la richiesta del provvedimento restrittivo a carico dell’uomo che ora si trova agli arresti domiciliari.