Albertini si ritira dalla corsa come sindaco di Milano

Gabriele Albertini si sfila definitivamente dalla corsa come sindaco di Milano. “Resto in famiglia”. 

Le prossime comunali nelle grandi città stanno mettendo in crisi sia centrodestra che centrosinistra, soprattutto a Roma e anche a Milano. Nei giorni scorsi era spuntato un altro nome importante come candidato del centrodestra, Gabriele Albertini. Ma l’ex sindaco di Milano, si è prontamente defilato dalla corsa alle Comunali di Milano. Ad annunciarlo è stato lo stesso Albertini in una lettera aperta sul quotidiano “Libero“. Tra i sostenitori della sua candidatura lo stesso Vittorio Feltri. Il pressing maggiore era arrivato da Matteo Salvini ma non tutto il centrodestra aveva espresso sostegno all’unanime. Albertini ringrazia i suoi sostenitori e esce dal campo. “Grazie miei cari concittadini, mi avete reso, per qualche giorno, davvero felice della vostra riconoscenza, del vostro grato ricordo. Stavo per cedere, per dire sì ma mi sono fermato davanti alla mia famiglia ‘bicellulare’ (siamo solo in due a vivere insieme) e a mia moglie non potevo infliggere un disagio, per lei così insopportabile, per un terzo quinquennio“.

LEGGI ANCHE: Morti sul lavoro, la strage silenziosa di cui la politica non parla

Dopo avervi ringraziato – sottolinea Albertini – vi chiedo scusa miei cari concittadini, non ho corrisposto alle vostre attese, mi sono sottratto alle vostre richieste e ho preferito sperare di trascorrere, serenamente, con la mia famiglia, finché ci sarà salute, l’ultimo ottavo di vita media, dopo averne trascorsi sette, grazie anche a voi, con grandi soddisfazioni. Spero vorrete perdonarmi”. Non vi è stata nessuna polemica né alcun tono acceso. Un ringraziamento speciale e particolarmente affettuoso è stato rivolto a Silvio Berlusconiche non mi ha fatto mancare il suo sostegno e la sua affettuosa amicizia” dice Albertini.

Albertini rifiuta la candidatura come sindaco di Milano

Albertini sindaco di Milano

Parole di stima anche per Beppe Sala, l’attuale sindaco di Milano. Allo stesso Sala, Albertini aveva offerto la poltrona di suo vice in caso di elezione. “In altre circostanze non avrei mai pensato a un progetto così insolito per qualcuno forse così inconcepibile e persino farneticamente ma viviamo tempi molto particolari e gravi“. Ma a questo incarico purtroppo, però, Albertini ha dovuto rinunciare a causa di problemi familiari.

LEGGI ANCHE: “Buon compleanno Alitalia”: i lavoratori della compagnia di bandiera di nuovo in piazza [VIDEO]

Ancora nulla di fatto per il candidato a sindaco di Milano nelle file del centrodestra. Rimane ancora tra i favoriti il nome di Maurizio Lupi, assessore della giunta di Albertini, tra l’altro. Ancora molti, forse troppi no nel centrodestra come sbotta lo stesso Salvini. Nel frattempo Albertini si auspica il meglio per la sua città e si congeda dalle comunali. “Dopo l’inverno della pandemia, ecco questa primavera, in cui ci sentiamo e vogliamo ritornare vivi, per veder risorgere Milano, la nostra radiosa, meravigliosa, impareggiabile Milano.”