Vaccino, si possono bere alcolici prima e dopo la dose? I possibili effetti collaterali

Bere alcolici prima e dopo la vaccinazione, si può? Meglio evitarli 15 giorni prima e dopo aver ricevuto la dose, ecco perché.

Si possono bere alcolici prima e dopo la somministrazione del vaccino? È questa una delle domande alle quali gli operatori sanitari si trovano a dover rispondere in relazione al vaccino.

Alcolici e vaccino

«La Società Italiana di Alcologia e l’Osservatorio Alcol dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS)  – si legge in una nota – da diversi mesi raccomandano di non consumare alcolici nei giorni precedenti e successivi alla vaccinazione». Si raccomanda di non assumere alcolici almeno 15 giorni prima e 15 giorni dopo la vaccinazione. O, eventualmente, di «non superare i dosaggi che rientrano nel “basso rischio”».

Gli effetti collaterali

Tale misura è una precauzione necessaria poiché consumare bevande alcoliche, anche se a dosi minime, contribuisce a «ridurre l’attività del sistema immunitario acquisito e innato» tanto che, per alcune funzioni, «si ripristina una ottimale azione dopo circa 30 giorni di astensione». Del consumo di alcolici ne risentono anche le piastrine, componenti del sangue che svolgono un ruolo importante nella coagulazione. Inoltre, come riportato nel sito Epicentro dell’ISS, «il consumo di alcolici attraverso la costruzione di un organismo infiammato» può avere un impatto negativo nel caso in cui si dovesse poi risultare positivi al Covid-19.

LEGGI ANCHE: Alzheimer, approvato dalla Fda il primo farmaco contro il morbo

Fumatori e vaccino

Ai dubbi dei fumatori risponde direttamente il virologo Fabrizio Pregliasco. «Vaccino e canne? Nessun problema» afferma. Il docente dell’Università Statale di Milano spiega: «Se uno si fa le canne può vaccinarsi tranquillamente, non c’è nessu problema».