Alzheimer, approvato dalla Fda il primo farmaco contro il morbo

Approvato negli Stati Uniti un nuovo farmaco che sembra rallentare il declino mentale su soggetti che presentano Alzheimer in forma moderata.

Un nuovo passo avanti verso la lotta contro l’Alzheimer. La Fda ha infatti approvato un nuovo farmaco contro l’Alzheimer dopo una lunga fase di sperimentazione.

Il nuovo farmaco

Si tratta dell’Aducanumab, farmaco prodotto dalla Biogen, che va a colpire la causa scatenante della malattia e non i suoi sintomi. In questo modo, quindi, ne va a rallentare la progressione. Consiste in una terapia con anticorpi monoclonali che può essere iniettata per via endovenosa in quei pazienti che soffrono di Alzheimer in forma moderata. Biogen non ha ancora reso noto il prezzo: alcuni analisti stimano un costo tra i 30 mila e i 50 mila dollari per un anno di trattamento.

LEGGI ANCHE: Amazon punta sull’Italia: 3 mila nuove assunzioni nel 2021

I dubbi

La fase di sperimentazione è stata molto lunga e, allo stesso tempo, ricca di polemiche. I dubbi sollevati dagli scienziati hanno portato Biogen a interrompere le sperimentazioni nel 2020. Successivamente, un nuovo studio condotto su larga scala ha dimostrato l’efficacia del farmaco se somministrato a dosi più elevate. L’Aducanumab, somministrato ogni quattro settimane, va a rallentare la malattia e non ad invertirne il declino. Nel momento in cui, però, il farmaco si dimostrerà inefficace, la Fda potrà decidere di ritirarlo dal mercato.