Aggredisce il collega con un taglierino. Folle lite alla posta

L’uomo, preso da un raputs, ha accoltellato il collega con un taglierino dopo una lite. L’aggressore è agli arresti.

La lite, banale, è scoppiata tra i due colleghi al centro di recapito delle poste di via Torino a Mestre, questa mattina alle 9:50. Un portalettere di 62 anni, a un certo punto della discussione, ha impugnato il taglierino e ha colpito con diversi fendenti al collo, all’addome e a un braccio, uno smistatore di 40 anni. Tre colleghi sono subito intervenuti per separarli e per soccorrere il ferito.

LEGGI ANCHE: Delitto Willy, parte il processo:«C’era la volontà di ucciderlo»

L’uomo è stato portato in ospedale a Mestre: le sue condizioni, che in un primo momento erano sembrate particolarmente gravi, sono in via di miglioramento. Ora sarebbe fuori pericolo. Per l’aggressore (che i colleghi raccontano essersi calmato immediatamente dopo il raptus) è scattato l’arresto: ad ammanettarlo e portarlo in custodia, gli agenti della polizia postale, intervenuti avvertiti dal personale. Il 62enne, che lavora alle poste da una vita e che era arrivato a un passo dalla pensione, ora è accusato di tentato omicidio.