Michetti candidato a Roma per il Centrodestra: “Faremo come i Cesari e i Papi, cose utili per la Capitale”

Nella sua prima intervista da candidato sindaco, Michetti lancia la sua proposta per la Capitale. Scomoda periodi storici altisonanti, per lui Roma deve pensare in grande.

Il neo-candidato del centrodestra per la poltrona di sindaco di Roma, Enrico Michetti, inizia la sua campagna elettorale. Lo fa con un’intervista al Corriere della Sera con dichiarazioni trionfali. “Mi riempie di gioia sapere che il mio nome è stato scelto da una coalizione ampia, che ha dialogato con grande civiltà: ringrazio tutto il centrodestra e spero di ripagare la fiducia garantendo a Roma, se verrò eletto, la buona amministrazione. Faremo cose utili per la Capitale, come facevano i Cesari e i Papi” dichiara Michetti.

Il giurista e speaker radiofonico dice di voler “girare tutta Roma. Lo faccio ritualmente, per incontrare le persone. Credo che la prima tappa verrà concordata insieme con la coalizione. Ognuno è importante: le categorie, i dipendenti pubblici che sono in numero rilevante e vanno visti senza pregiudizi. Nei primi cento giorni adotterei, nei limiti delle nostre competenze, misure per favorire le categorie produttive più colpite dalla crisi e migliorare la qualità della vita nelle aree più degradate”.

Michetti è vicino a Fratelli d’Italia e ha dovuto superare le perplessità degli alleati. Sui partiti dice di non temere le pressioni che potrebbe ricevere: “Sono fondamentali, in quanto espressione della classe dirigente un po’ come la cartilagine per il ginocchio… Abbiamo dei grandi profili che vanno valorizzati in un contesto progettuale armonico, troveremo le persone migliori”.

LEGGI ANCHE: Lega e Pd affilano le armi: lavoro e giustizia i prossimi temi caldi

Quanto a Vittorio Sgarbi come assessore alla Cultura, “ha un profilo altissimo e il mio ruolo sarà di servizio, non di comando. Voglio essere di supporto ai miei assessori e alle loro idee nel raggiungimento degli obiettivi che ci daremo”. Su Simonetta Matone, inizialmente concorrente per la candidatura e ora designata come sua vice, Michetti non la considera una manovra per ridimensionare il suo ruolo, “al contrario – dice – dovremmo esaltare la sua straordinaria competenza nei servizi sociali e nella sicurezza”.

In tema di rifiuti e allagamenti, Michetti sostiene che “per risolvere il problema dei primi, Roma deve dotarsi di impianti innovativi con il minore impatto possibile, oltre a promuovere una raccolta differenziata spinta e una cultura ambientale che punti sul riciclo e il riuso. Riguardo agli allagamenti, servono infrastrutture adeguate dall’ammodernamento della rete fognaria ai depuratori, alle vasche di esondazione“.

LEGGI ANCHE: Centrodestra, Toti: “Federazione è operazione frettolosa e sbagliata”

Più in generale, sul futuro di Roma, ritorna al paragone con periodi storici più altisonanti: “Basta pensare a come vedevano Roma i grandi Cesari e i Papi – dice Michetti – non avrebbero mai costruito le piramidi perché non erano di pubblica utilità, costruivano ponti, strade, acquedotti, anfiteatri per il benessere dei cittadini. Penso, tra gli altri, a una variante generale del piano regolatore dove inserire una città della pubblica amministrazione con il front office di tutti i dicasteri più importanti, per evitare che i cittadini facciano il giro delle sette chiese”. Sempre in tema di riferimenti storici, il candidato sindaco vuole chiarire la propria frase sul saluto romano, da lui definito “più igienico“: “C’è il video. Mi hanno chiesto di spiegare l’origine del saluto romano e ho detto che era con la mano aperta in segno di pace, senza alcuna connotazione rievocativa”.