Giacomo Celentano dalla malattia alla fede: il periodo delicato del figlio di Adriano Celentano

Giacomo Celentano, figlio di Claudia Mori e Adriano Celentano, in una delle sue ultime interviste ha parlato di alcuni retroscena della sua vita. Scopriamo di più.

 

Cantautore e scrittore, Giacomo in quanto figlio d’arte è stato immerso nella cultura fin da piccolo tanto da fare della musica prima una passione e poi una professione.

 

 

La malattia

Nato nel novembre del 1966, Giacomo è l’unico figlio maschio del Molleggiato e di Claudia Mori. Dopo aver conseguito il diploma presso il Liceo Scientifico, l’uomo all’età di 23 anni ha deciso di cimentarsi nel difficile mondo della musica ottenendo fin da subito dei discreti risultati. Purtroppo la sua carriera da cantautore ha subito uno stop a causa di un periodo non facile della sua vita. Infatti come ha raccontato durante una puntata di Storie Italiane, programma condotto da Eleonora Daniele, in passato ha sofferto di depressione. Per fortuna l’uomo è riuscito a superare questo momento non facile anche grazie alla sua grande fede.

 

Il matrimonio

Giacomo, infatti è molto devoto tanto da definire la religione come un grande dono oltre all’aver valutato di diventare prete. Nonostante ciò ha poi deciso di mettere su famiglia, sposandosi nel 2002 con la sua anima gemella, Katia. I due, come accade in tutte le coppie, hanno attraversato alti e bassi ma sono sempre riusciti a superarli. Giacomo ha anche raccontato la decisione presa insieme alla sua dolce metà di rispettare la castità prematrimoniale. 

LEGGI ANCHE—>Ornella Muti torna a parlare di Adriano Celentano | Il video senza freni | “Ha tradito perchè si sentiva solo..?”

La passione per la scrittura

Oltre alla musica, Giacomo si è anche cimentato nella scrittura di alcuni libri. Tra le sue pubblicazioni si possono trovare La luce oltre il buio – Il mio cammino nella fede per vincere la depressione, pubblicato da Piemme Incontri in cui racconta il percorso affrontato in un periodo difficile della sua vita superato grazie alla religione.