Scontro tra Conte e Grillo: salta la presentazione del nuovo Statuto M5s

Il piano che prevedeva un evento M5s per giovedì 24 giugno è ormai sospeso: prima dell’ufficializzazione, è necessario che Giuseppe Conte e Beppe Grillo trovino un’intesa sul nuovo Statuto e sulla Carta dei valori. Insomma, dopo le controversie sul caso Rousseau, dopo la fuoriuscita di Davide Casaleggio, ancora una volta si è optato per congelare la nascita del “nuovo M5s”, e questa volta sembrerebbe a causa della ferma posizione del garante, intento ad avere l’ultima parola sullo statuto. 

beppe grillo
MeteoWeek.com

Ancora una volta, il leader in pectore Giuseppe Conte dovrà rimandare l’ufficializzazione della sua posizione e del nuovo M5s. Dopo la rottura con vecchie glorie del Movimento (Di Battista in primis), dopo le controversie sul caso Rousseau, dopo le cause legali, dopo la fuoriuscita di Davide Casaleggio, della vecchia struttura del M5s rimane ben poco. E quel “poco” è rappresentato dal garante Beppe Grillo. Ebbene, persino quest’ultimo asse portante sembra dare problemi. Nei giorni scorsi si era iniziato a organizzare un evento M5s per il 24 giugno, data ora rimandata a data da destinarsi. Prima Grillo e Conte devono trovare un’intesa sul nuovo Statuto M5s e sulla Carta dei valori. E – stando a quanto riportato da Agi – sarebbe il garante del Movimento a voler dire l’ultima parola.

Leggi anche: Partito unico del centrodestra: in molti dicono di volerlo ma nessuno lo fa

Le ragioni della disputa

Secondo diverse indiscrezioni riportate dal Fatto Quotidiano i ritardi sarebbero dovuti proprio a un mancato accordo sulla valutazione delle norme contenute nel nuovo Statuto e sulla conformazione del futuro organismo direttivo (la segreteria “mista” sarà composta da nominati ed eletti dagli iscritti). A pesare ci sarebbe anche, sempre stando alle indiscrezioni, una certa marginalizzazione di Grillo nel momento della stesura del nuovo Statuto, al quale il garante avrebbe avuto accesso troppo tardi. Senza contare poi l’incontro del 12 giugno scorso con l’ambasciatore cinese, disertato da Giuseppe Conte per “impegni concomitanti”. Insomma, le questioni si sommano, ma sembrano ricondurre tutte ad un unico comune denominatore: Beppe Grillo vuole mantenere il suo ruolo di peso all’interno del M5s, vuole far muovere liberamente i suoi giocatori a patto di poter ribadire, una volta per tutte, che l’ultima parola spetta a lui; dall’altro lato, Conte ha bisogno di non avere le mani legate per accreditarsi come nuovo leader del Movimento. Il risultato, è uno stallo alla messicana.

Leggi anche: Il Pd a Roma sceglie il “candidato dall’alto”, ma potrebbe essere un sbaglio

La vecchia guardia contro la nuova

giuseppe conte m5s
MeteoWeek.com (da Getty Images)

Così in ballo ci sarebbe non solo la conformazione del nuovo M5s, ma il ruolo del garante stesso: la paura di Grillo (talmente grande da spingerlo a congelare l’ufficializzazione) è di esser ridotto ad una sorta di padre simbolico del Movimento, mentre Conte ritaglia per sé un peso maggiore, un margine di manovra più ampio. Insomma, Grillo non ci sta a fare la mascotte e Conte non ci sta a fare il leader con le mani legate. Anche perché, trattandosi di una fase di transizione, l’ex premier ha ora tutto l’interesse a mostrarsi come figura di peso all’interno del Movimento, in modo da legittimare la sua nomina.

Leggi anche: Comunali Roma, il candidato PD sarà Gualtieri: 62% alle primarie

A tutto questo si aggiunge, poi, una tendenza ormai conosciuta dell’ex premier, che era stata oggetto di recriminazioni anche all’interno della vecchia maggioranza: lavorare in segreto, non coinvolgere le parti, agire in silenzio senza alzare troppo i toni, salvo poi presentare le decisioni a giochi fatti. Il giochetto si sarebbe ripresentato anche in questo caso, quando sarebbe iniziata a circolare la voce che sarebbero stati concessi “cinque o sei giorni di confronto”, ma dopo la presentazione pubblica. “Così è chiaro che la cosa è blindata che fa, presenta lo Statuto e poi quello che viene messo al voto è cambiato? E poi in cinque o sei giorni come si esaurisce un discorso così complesso?”, afferma un deputato M5s riportato dall’Huffpost. Al netto di tutto questo, resta una domanda: come farà Giuseppe Conte a dialogare con il Pd, se il dialogo procede a stento persino all’interno del M5s?