Si taglia i pantaloni per avere rapporti sessuali con un detenuto: condannata guardia carceraria

Aveva rapporti con un detenuto e lo aveva fornito di cellulare e droga. La guardia carceraria Tina Gonzalez è stata condannata

Scandalo e condanna per un’agente penitenziario degli Stati Uniti d’America, condannata al carcere dopo aver avuto rapporti intimi con un detenuto, di fronte a una dozzina di altre persone incarcerate, nella prigione della contea di Fresno dove lavorava. Tina Gonzalez, 26 anni, avrebbe avuto gli incontri sessuali tagliandosi l’uniforme nelle parti basse, come rivelato durante la sentenza emessa martedì scorso, 29 giugno.

Il suo ex capo, l’assistente dello sceriffo Steve McComas, ha detto alla corte di aver assistito a diverse cose “piuttosto disgustose” durante i suoi 26 anni di carriera ma non aveva mai visto niente di così scioccante come la storia di Tina: “È davvero qualcosa che solo una mente completamente depravata può fare“, ha detto McComas.

LEGGI ANCHE: Tragedia di Caronia, Viviana e Gioele aspettano ancora un funerale

Oltre ad avere avuto rapporti con il detenuto, l’ex funzionario della giustizia ha anche fornito un’arma, un rasoio, mettendo in pericolo la vita dei suoi colleghi, come riportato dal quotidiano Fresno Bee. Tina Gonzalez, che ha lavorato come guardia carceraria tra il 2016 e il 2019, è stata arrestata il 1° maggio dopo un’indagine durata un anno.

La donna è stata anche accusata di detenzione di stupefacenti e bevande alcoliche in carcere e di detenzione di un dispositivo cellulare con l’intento di consegnarlo a un detenuto. Secondo il vicesceriffo, la donna non ha mostrato alcun rimorso, era in regolare comunicazione con il detenuto e si vantava persino dei suoi crimini.

LEGGI ANCHE: “Non erano sole”, la rivelazione sulle due ragazze uccise in un campo

Il suo avvocato ha sostenuto che si è presa la responsabilità delle sue azioni e che, all’epoca dei fatti, si trovava in una posizione vulnerabile e aveva appena concluso il suo matrimonio. “Non ha mai avuto intenzione di danneggiare o mettere in pericolo il personale della prigione“, ha detto il legale.

Il giudice Michael Idiart ha notato l’assenza di precedenti penali condannandola così a sette mesi di carcere, seguiti da due anni di libertà vigilata: “Penso che quello che hai fatto sia stato terribile, stupido e hai rovinato la tua carriera. Credo anche che le persone possano riscattarsi e tu hai il resto della tua vita per farlo. In bocca al lupo”, ha detto.