Ilaria Capua: “No-vax? Per ogni giorno di ricovero paghino 1000-2000 euro”

La virologa Ilaria Capua, direttrice dell’One Health Center of Excellence dell’Università della Florida, ha proposto nelle ultime ore di far pagare a tutti coloro che non volessero vaccinarsi una sorta di ticket per ogni giorno di ricovero in ospedale. 

Ilaria Capua no-vax paghino ticket Meteoweek
Ilaria Capua-Meteoweek

A confermare l’importanza di vaccinarsi è tornata la virologa Ilaria Capua. La proposta della direttrice dell’One Health Center of Excellence dell’Università della Florida pone un aut-aut a tutti i no-vax. Come? Attraverso una sorta di ticket. Secondo quanto riportato al Corriere della Sera, questa proporrebbe un ticket del valore di mille o due mila euro da far pagare per ogni giorno di ricovero in terapia intensiva. Un’alternativa, insomma, per coprire i costi non sanitari dell’ospedale come letto, biancheria, mensa e servizi di pulizia. Un’alternativa, a detta della professoressa, che andrebbe a tamponare almeno in parte la condizione economica in cui riversa la sanità europea a causa del Covid.

LEGGI ANCHE: Infettivologo Bassetti: “Picco di casi da festeggiamenti? Troppa speculazione”

Ogni malato di Covid, ricoverato in terapia intensiva o subintensiva, costa decine e decine di migliaia di euro. I pazienti Covid del nostro recente passato hanno gravato inevitabilmente, loro malgrado, sulla sanità europea in termini di centinaia di milioni di euro. Le vittime di oggi, e dei tempi a venire,” – prosegue Ilaria Capua – saranno individui che non hanno iniziato o completato il ciclo vaccinale. Sono solo i non vaccinati a finire in ospedale e a prescindere dall’età anagrafica, saranno solo i non vaccinati a incidere sul bilancio degli ospedali“.

LEGGI ANCHE: Ristoratori Fiumicino chiedono soluzioni sensate. “Green pass? Meglio delle chiusure”

Questa proposta apre così le porte ad un nuovo possibile dialogo con i no-vax, cercando di “invogliarli” in qualche modo a cambiare idea. Ma soprattutto pone l’accento su una situazione sanitaria ed economica molto gravosa, che deve essere cambiata. La decisione di vaccinarsi o no è sì certamente libera, ma alla lunga potrebbe incidere negativamente sulla sanità ospedaliera a livello nazionale europeo.