Cgil Marche: una famiglia su dieci si trova in condizioni di povertà

I dati elaborati da Cgil Marche mostrano che nella regione una famiglia su dieci si trova in condizioni di povertà. 

cgil marche

Nelle Marche, nel 2020, secondo i dati Istat elaborati dalla Cgil Marche, le famiglie in condizioni di povertà relativa sono il 9,3% del totale, sostanzialmente stabili rispetto a un anno fa (9,5%) ma nettamente al di sopra della media delle regioni del Centro (6,4%). Le persone che nelle Marche vivono in famiglie in condizioni di povertà relativa rappresentano il 14,6% della popolazione, una percentuale in crescita oltre ad essere nettamente al di sopra della media delle regioni del Centro (8,9%) e anche alla media nazionale (13,5%). “Sono dati drammatici – dichiarano Daniela Barbaresi, segretaria generale della Cgil Marche, e Rossella Marinucci, segretaria regionale responsabile delle politiche sociali – che rendono evidente come sia ancora diffusa la condizione di disagio di tante persone. E’ un quadro davvero desolante per le Marche, soprattutto se raffrontato alle altre regioni del Centro”.

LEGGI ANCHE: Ecobonus incentivi auto, riguarda anche l’usato: tutto quello che c’è da sapere

Cgil Marche: una famiglia su dieci vive in condizioni di povertà

Nella regione, l’impatto del Covid è stato pesante. La pandemia ha influito negativamente sia in termini di posti di lavoro persi sia di ricorso agli ammortizzatori sociali. Questo ha peggiorato ulteriormente le condizioni di lavoro e di reddito di tanti lavoratori e soprattutto lavoratrici. Inoltre, continua a crescere il lavoro precario e quello a tempo parziale, in gran parte involontario. Questo tipo di lavoro non garantisce condizioni di reddito adeguato. Infatti, un lavoratore dipendente su due può contare su un lavoro stabile e a tempo pieno.

LEGGI ANCHE: Sbarra (Cisl) incontra Draghi: “Protocolli da rafforzare, ma vaccino non sia discriminatorio”

Secondo Barbaresi e Marinucci, “i dati sulla povertà confermano come troppo spesso anche avere un lavoro non sia sufficiente per garantire una vita dignitosa e anche per questo è urgente affrontare il tema della qualità del lavoro e delle retribuzioni. Per questo, occorre intervenire per incrementare salari, produttività, consumi e investimenti”. E’ necessario che le risorse e gli investimenti del pnrr vengano utilizzati per costruire un nuovo modello di sviluppo per garantire lavoro di qualità, sostenibilità sociale e ambientale, coesione e sviluppo”.