Amministrative 2021: il Centrodestra è unito ma diviso in Parlamento

Lega e Fratelli d’Italia si giocano la leadership della coalizione con queste amministrative. Giorgia Meloni sogna un possibile sorpasso.

La prossima tornata di votazioni prevista per ottobre con le amministrative in diverse città italiane, non sarà solo una votazione locale ma una vera e propria competizione interna al Centrodestra che dovrà definire, finalmente, chi guida la leadership della coalizione. Lo sa bene Giorgia Meloni, pronta a sancire il sorpasso di Fratelli d’Italia sugli amici della Lega, e lo sa anche Matteo Salvini, preoccupato dal forte calo di consensi della Lega dopo l’exploit delle europee del 2019 e dallo spostamento di consenso verso FdI dopo la scelta di entrare nel Governo Draghi.

I due leader ripetono che, nonostante le divisioni in Parlamento, i due partiti sono uniti e lo saranno anche per le prossime elezioni politiche. Fallito il tentativo di dare una spallata al Governo Conte II (ci ha pensato Matteo Renzi) e con la nascita del Draghi I, la presa del governo è solo rimandata, probabilmente, al 2023.

Leggi anche: Green Pass obbligatorio a lavoro. Salvini all’angolo rischia di scontentare tutti

A ribadire che i sondaggi vedono avanti il Centrodestra, ci saranno probabilmente queste amministrative che lo vedono favorito a Roma, Torino, Triste, Calabria e in molti altri comuni e giocarsi qualche possibilità anche a Milano e Napoli, nonostante il Centrosinistra alleato con il M5S sia in vantaggio. Ma, come detto, se Lega e FdI sono uniti per le votazioni delle prossime settimane, il solco lasciato dalla scelta della Lega di entrare nel Governo lascia dubbi sul futuro del Centrodestra, con Forza Italia sempre più lontana dalle posizioni anti-Green Pass e critiche verso Mario Draghi dei due partiti.

Leggi anche: Milano, Sala verso la vittoria delle elezioni comunali: ad un passo dal 50,01%

Matteo Salvini si muove pubblicamente come se fosse sempre all’opposizione, ma l’ala governista del Carroccio guidata dal ministro Giancarlo Giorgetti è prevaricante nell’azione del partito. Se l’ex-ministro dell’Interno prova a inseguire Giorgia Meloni nella narrativa pubblica, la presidente di Fratelli d’Italia vola nei consensi. Un aspetto che porrà, e già pone, inevitabili scricchiolamenti nella coalizione.