I messaggi prima della morte di Dora: “Ha usato parole brutte”

I messaggi alle amiche, il litigio col fidanzato e poi la caduta dal balcone. Continuano le indagini sul presunto suicidio di Dora

Continuano le indagini sulla morte di Dora Lagreca, la donna di 30 anni caduta dal balcone al quarto piano del palazzo dove viveva il fidanzato, nella notte dell’8 ottobre a Potenza. A destare perplessità in particolare è il rapporto con il compagno Antonio Capasso con il quale aveva una relazione da mesi, ma che era diventata fonte di litigi e tristezza.

Ormai litighiamo sempre. Va male, ci siamo lasciati ed è da lunedì che non ci parliamo. Sono successe troppe cose, ha sbagliato. Ti dovrei spiegare meglio, ma ha sbagliato: ha usato parole brutte” è il messaggio che Dora ha inviato a un’amica la notte in cui è morta. Una relazione che si era trasformata in un rapporto tossico e che potrebbe essere la motivazione del suicidio.

LEGGI ANCHE: Un convegno per promuovere l’emancipazione delle donne nel lavoro, l’iniziativa delle associazioni di medici e odontoiatri

La coppia si era lasciata ma non era la prima volta, tanto che alla fine stavano pensando addirittura di andare a vivere nella stessa casa. Ma la sera della morte di Dora avevano iniziato litigare pesantemente fino alla tragedia, quando lei cade totalmente nuda dal balcone della casa dove viveva lui. Secondo gli inquirenti la 30enne avrebbe provato ad aggrapparsi al parapetto prima di precipitare nel vuoto.

Capasso, che ha assistito alla scena, dice di avere cercato di fermare la ragazza dal gettarsi dal balcone: “Non ci sono riuscito. Ha detto che si sarebbe gettata di sotto e poi è saltata giù ha dichiarato agli inquirenti che però non sono totalmente convinti. Il fidanzato risultava essere un uomo geloso e possessivo, tanto che ora è indagato per istigazione al suicidio.

LEGGI ANCHE: Reddito di cittadinanza, 50 “furbetti” denunciati dalla Polizia postale: “Non sapevano nemmeno parlare italiano”

Secondo una delle amiche di Dora, lui “sta cercando di farla passare per pazza ma quello possessivo era lui. Dora era una ragazza tranquilla. Tante cose non tornano in questa storia: cosa ci faceva nuda in terrazza a ottobre? E soprattutto, chi mai si spoglierebbe per fare la doccia mentre litiga con il fidanzato?”.