Padre orco maltratta e abusa della figlia minorenne: arrestato mentre tentava la fuga

Padre orco  maltratta e abusa sessualmente della figlia minorenne: la giovane trova il coraggio di denunciare tutto ai carabinieri e lo fa arrestare. L’uomo è stato fermato mentre cercava di scappare.

Foggia abusa figlia minorenne - meteoweek.com
Foggia, padre orco abusa figlia minorenne – meteoweek.com

I carabinieri della compagnia di Vico del Gargano (provincia di Foggia) hanno arrestato nelle scorse ore un uomo accusato di reati di violenza sessuale e maltrattamenti contro i famigliari. Era fuggito dalla provincia di Foggia e si era rifugiato a Firenze, dopo che la figlia minorenne aveva denunciato gli abusi sessuali e le percosse subite. Inutile la fuga dell’uomo: il padre della ragazzina è ora finito in manette, a seguito di un’ordinanza di custodia cautelare con l’arresto in carcere emessa dalla Procura della Repubblica di Foggia.

Padre orco tenta la fuga ma viene fermato e arrestato

Secondo quanto viene riportato dalle fonti, le indagini sarebbero partite dalla disperata richiesta di aiuto ai carabinieri della Stazione di Vico, pervenuta da parte di una ragazza minorenne fuggita dall’abitazione in cui conviveva con i genitori. La giovanissima avrebbe raccontato alle forze dell’ordine che a darle il coraggio di effettuare quella denuncia vi era stato l’ennesimo abuso e caso di violenza perpetrato nei suoi confronti da parte del padre.

In particolare, prima di presentarsi al comandante della Stazione la giovane si sarebbe confidata con suo nonno. Sarebbe stato lui, pare, a suggerirle di farsi forza e denunciare quanto accaduto. Una volta giunta in caserma, la minorenne ha quindi raccontato tutto: già da diverso tempo, ormai, suo padre le infliggeva maltrattamenti insopportabili, vessazioni, minacce, ingiurie e percosse. Colpendola spesso anche una cintura, la giovane era infine costretta a subire violenza sessuale, imposte dal padre usando la forza fisica.

LEGGI ANCHE: Reddito di cittadinanza, 50 “furbetti” denunciati dalla Polizia postale: “Non sapevano nemmeno parlare italiano”

Lo stesso orco, però, dopo aver saputo che sua figlia era scappata di casa e aveva trovato rifugiato dal nonno, temendo le conseguenze si è immediatamente allontanato dalla sua abitazione. Tentando quindi una fuga per far perdere le sue tracce, l’uomo è stato bloccato a Firenze, mentre cercava di raggiungere una destinazione ignota. Grazie alle attività investigative della Stazione di Vico del Gargano, dirette dalla Procura della Repubblica di Foggia, le forze dell’ordine sono però riuscite ad individuare e fermare l’uomo, contro il quale l’Autorità Giudiziaria ha disposto la misura di “fermo di indiziato di delitto”.

LEGGI ANCHE: Un convegno per promuovere l’emancipazione delle donne nel lavoro, l’iniziativa delle associazioni di medici e odontoiatri

Il fermo è stato eseguito dal Reparto Operativo del Comando Provinciale dell’Arma del capoluogo toscano, che lo hanno infine portato in carcere. Alla luce dei fatti e delle testimonianze, la Procura ha poi emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere con le gravi accuse di violenza sessuale, maltrattamenti contro famigliari e/o conviventi, aggravati dalla continuazione e commessi nei riguardi di una minore, abusando delle relazioni domestiche con la figlia.