Il segretario di Stato Usa Blinken avverte l’Iran: “Pronti a valutare altre opzioni se non cambia rotta”

Gli Stati Uniti continuano a manifestare una profonda preoccupazione per il comportamento dell’Iran. I colloqui fino ad adesso, come ha riferito il segretario di stato Usa Blinken, non sono stati incoraggianti e il timore è che la nazione prosegua nel silenzio il suo percorso verso il nucleare

Getty Images

Fino ad adesso, i colloqui intrattenuti con gli Stati Uniti non hanno portato a nessun tipo di passi avanti nelle trattative, e l’Iran non sembra per nulla intenzionato a rispettare il Jcpoa, l’accordo sul programma nucleare. Questo è quanto ha riferito il segretario di stato americano Blinken, che ha poi aggiunto come l’amministrazione Biden si riserva di valutare “altre opzioni” in futuro, laddove l’esecutivo iraniano continua a mantenere questa linea politica.

Leggi anche: Covid, Parlamento UK vs Johnson:«Immunità di gregge? Fallimento totale. Tanti morti evitabili»

Leggi anche: Gli Stati Uniti riaprono a Canada e Messico

Un commento quello di Blinken, arrivato al termine di un importante incontro con il Ministro degli Esteri Israeliano Yair Lapid e Abdullah Bin Zayed Al Nahyan, a capo della diplomazia degli Emirati Arabi. Blinken ha infine aggiunto che di tempo per ritornare al precedente patto sul nucleare, non ne resta molto. Il rischio infatti a suo parere è quello che “ci stiamo avvicinando al punto in cui il ritorno al Jcpoa non avrà più i benefici del Jcpoa”. E la preoccupazione americana in tal senso, riguarda la costruzione di alcune centrifughe avanzate sfruttando l’arricchimento dell’uranio.