Codice della strada, nuova stretta sui monopattini e altre novità in arrivo

Sono 434 gli emendamenti al Dl Infrastrutture all’esame della Camera: tra i temi principali la regolamentazione del monopattina dopo le svariate tragedie

L’intenzione è quella di regolamentare l’utilizzo selvaggio dei monopattini ma non solo: divieto di fumo alla guida, stretta su smartphone, tablet e apparecchi che allontanano le mani dal volante, ritorno del bonus taxi, sfruttabile anche solo per andare al lavoro nelle ore di punta. L’Asaps – Associazione Sostenitori e Amici della Polizia Stradale – ricorda che da martedì a giovedì le Commissioni Commissioni Ambiente e Trasporti della Camera dei Deputati inizieranno a votare i 434 emendamenti al disegno di legge.

Per i monopattini i partiti puntano a implementare regole chiare sui parcheggi e ad introdurre l’obbligo di targa, di RC auto e di protezioni anche per i maggiorenni, con casco e giubbetti catarifrangenti. Il tetto di velocità potrebbe scendere a 20 chilometri orari, con il divieto di utilizzare il monopattino in due che sarà punita con sanzioni pesanti. La Lega propone anche la confisca nel caso in cui i mezzi vengano modificati per aumentarne le prestazioni. Il governo ha già fatto sapere che, dopo la serie di incidenti in molti casi mortali degli ultimi mesi, il tema sarà tra quelli affrontati in Commissione. La regolamentazione dei monopattini e delle biciclette in noleggio, trovano un consenso unanime. Il divieto di fumare poi rientra nelle proposte del Movimento 5 Stelle.

LEGGI ANCHE: Sbanda col monopattino e finisce sul parabrezza di un’auto: ragazzo in ospedale con edema cerebrale

Tra gli emendamenti più attesi per l’approvazione, anche l’inasprimento delle multe per chi utilizza apparecchi radiotelefonici, smartphone, computer portatili, notebook, tablet e dispositivi analoghi che comportino anche solo temporaneamente l’allontanamento delle mani. Si passa ad una ”sanzione da 422 a 1.697 euro (oggi è da 167 a 661 euro) e l’importante novità della sospensione della patente da 7 giorni a due mesi, con la decurtazione di 5 punti. La recidiva nel biennio comporterà una sanzione amministrativa da 644 a 2588 euro e la sospensione della patente da uno a tre mesi, con 10 punti decurtati sulla patente”.

Il ritorno del bonus taxi e Ncc in città riguarderebbe anche le famiglie più in difficoltàa causa dell’emergenza epidemiologica di virus COVID-19, chi utilizza il trasporto pubblico non di linea tra le ore 7:00 e le ore 10:00 dei giorni feriali, le persone, che effettuano spostamenti per il proprio lavoro, volontariato, ragioni mediche nell’ambito dell’istruzione ed educazione, donne in gravidanza e tutti gli over 55.

LEGGI ANCHE: In 1 anno in Lombardia 1.044 interventi del 118 per incidenti in monopattino 

Forza Italia guarda, infine ad altre novità sul codice della Strada: l’obbligo di cinture a bordo degli scuolabus su tutto il territorio nazionale, mentre l’allungamento della validità del foglio rosa a dodici mesi è legato alla possibilità, richiesta in modo bipartisan, di poter affrontare l’esame di guida tre volte e non più due.