Bulgaria, bus si schianta in autostrada: almeno 45 morti, strage di bambini

In Bulgaria un bus si è schiantato in autostrada intorno alle 3.00 di questa mattina. Il bilancio è drammatico: almeno 45 morti, di cui oltre una decina sono bambini. I sopravvissuti sono soltanto 7. Il mezzo era proveniente dal Nord Macedonia, ma non è ancora stata definita la nazionalità delle persone a bordo. La causa dell’incidente, in base alle prime ricostruzioni, sarebbe stata un incendio scoppiato a bordo. 

Bulgaria bus
I resti del bus che si è schiantato in autostrada a Sofia – meteoweek.com

Dramma a Sofia, un Bulgaria. Un bus che trasportava 52 persone si è schiantato in autostrada intorno alle 3.00 del mattino di martedì 23 novembre. Il mezzo, immatricolato in Nord Macedonia, era proveniente da Istanbul e si stava dirigendo a Skopje. Non è chiara la nazionalità di coloro che erano a bordo. Il bilancio, ad ogni modo, è terribile. I morti sono 45, di cui almeno 12 minorenni. Una vera e propria strage di bambini. I sopravvissuti al momento sono 7, ma sono ricoverati in gravi condizioni a causa delle ustioni. Ore di apprensione per i familiari di questi ultimi. Le autorità locali stanno intanto indagando in merito alle cause della tragedia.

Leggi anche -> La furia dei Novax. Violente manifestazioni in tutte le piazze d’Europa

A provocare l’incidente, in base a quanto riferiscono i media bulgari, potrebbe essere stato un incendio scoppiato a bordo. Il bus, come si vede dalle terribili immagini che arrivano dall’autostrada di Sofia, è stato completamente avvolto dalle fiamme. Il fuoco non ha dato scampo a quasi tutti coloro che erano sul mezzo. “E’ una tragedia”, ha detto il primo ministro macedone Zoran Zaev. I due autisti, in particolare, erano nord-macedoni. I passeggeri invece forse albanesi. La vicenda ha ad ogni modo sconvolto diverse Nazioni. Sul luogo del dramma sono arrivati il primo ministro ad interim bulgaro, Stefan Yanev, e il ministro dell’Interno, Boyko Rashkov, mentre sarebbero in viaggio i Premier di Macedonia e Albania.