Offre 30mila euro a un sicario per uccidere moglie e suocera, ma lui chiama i carabinieri e lo fa arrestare

Ascolta l'audio-articolo

È accaduto a Sarzana, in provincia di La Spezia, dove un uomo di 50 anni aveva contattato un sicario per uccidere moglie e suocera. Ora è accusato di tentato omicidio

Carabinieri-Meteoweek.com

Un uomo di 5o anni, originario di Parma, ha offerto a un sicario 30mila euro per uccidere sua moglie e sua suocera. L’uomo, che lavora da anni come impiegato in un’azienda, vive a Sarzana, in provincia di La Spezia, dove sono accaduti i suddetti fatti. Da quanto è emerso, pare che tra l’uomo, la moglie e la suocera, i rapporti fossero rovinati già da tempo a causa di ragioni economiche, ma che, nell’ultimo periodo, l’uomo fosse giunto a tramare per liberarsi di loro.

Così aveva contattato un sicario, un uomo pregiudicato, per uccidere le due donne. Secondo gli inquirenti, l’uomo avrebbe offerto al sicario 30 mila euro. Gli avrebbe consegnato 10mila euro come anticipo e gli altri 20mila dopo aver portato a termine i due femminicidi. Si tratta di un caso che ricorda molto il femminicidio di Ilenia Fabbri a Faenza, ma per fortuna in questo caso, il dramma non si è verificato.

Leggi anche:—>“Gravi effetti collaterali”, il Giappone si spaventa: un piano per informare i cittadini sugli effetti avversi dei vaccini Covid

Il mandante si era così preparato a incontrare il sicario per consegnargli la prima tranche e l’appuntamento era previsto per ieri, 12 dicembre. Ma una volta presentatosi all’incontro, il mandante, in procinto di consegnare il denaro, si è visto circondare dai carabinieri. Beccato sul fatto, è finito in manette per tentato duplice omicidio.

Leggi anche:—>Incidente fatale in auto: morti Debora, 29 anni e Adriano, 34. Tre feriti

L’inchiesta aveva avuto inizio sette giorni fa, guidata dalla Procura di La Spezia. I carabinieri, però, hanno atteso che il piano dell’uomo fosse attuato per intervenire. Intanto, controllavano che le donne stessere bene. A quanto pare, sembra che il sicario stesso abbia contattato i carabinieri, forse perché non voleva commettere un duplice omicidio. Fatto sta che si è presentato all’incontro con il mandante, con i militari dell’Arma, che lo hanno arrestato subito. Ora il mandante è in carcere.