Uccide il figlio di 7 anni e lo nasconde nell’armadio, poi tenta di uccidere la moglie

Ascolta l'audio-articolo

Ieri sera, nella sua abitazione in provincia di Varese a Morazzone, un uomo di 40 anni, Davide Paitoni, ha ucciso il figlio di 7 anni.

Davide Paitoni – MeteoWeek

L’uomo si è poi diretto verso Gazzada, sempre in provincia di Varese, e ha tentato di uccidere la ex moglie, che era ospite dai suoi genitori. L’uomo, un pregiudicato agli arresti domiciliari, dopo aver ucciso il bimbo con un fendente alla gola, ha nascosto il corpo senza vita del piccolo nell’armaio di casa ed è salito in macchina per raggiungere la casa dei genitori della moglie, dove ha tentato di aggredire anche lei a coltellate forse usando la stessa arma utilizzata per uccidere il figlio. L’ha ferita in maniera non grave e poi è fuggito. I carabinieri lo hanno rintracciato all’alba di oggi. A casa dell’uomo hanno scoperto il corpo senza vita del bambino.

LEGGI ANCHE > Giovane rapinatore seriale di tassisti catturato dalla polizia

Si stava separando dalla moglie

L’appartamento luogo della tragedia – MeteoWeek

Davide Paitoni, questo il nome dell’uomo, era in fase di separazione con la moglie. La donna è ora ricoverata in ospedale, fuori pericolo di vita. A quanto emerso l’omicida, ai domiciliari, dopo essere stato arrestato per aver accoltellato alla schiena un collega di lavoro, lo scorso 26 novembre ad Azzate. L’uomo aveva ottenuto di trascorrere il Capodanno con il figlio che, questa sera, sarebbe dovuto tornare dalla mamma.

LEGGI ANCHE > Paolo Calissano “morto da giorni”, parla l’ex fidanzata: “Non si è suicidato, non era da lui”

“Non aprire l’armadio”

Il luogo del delitto – MeteoWeek

L’omicida ha lasciato un biglietto sul corpo senza vita del figlio Daniele, 7 anni, confessando il brutale delitto. Poi ha avvisato con un messaggio vocale suo padre, dicendogli di aver fatto del male a suo figlio e di non aprire l’armadio della sua camera da letto, dove aveva nascosto il corpo del bambino. Il provvedimento di fermo è stato emesso dalla Procura di Varese in presenza di gravissimi indizi nei confronti dell’uomo, bloccato dai carabinieri dopo un inseguimento in auto durante il quale Paitoni ha tentato di speronare i militari. In macchina aveva coltello e cocaina.