Salvata da cinque adolescenti una neonata: era stata abbandonata a -20°

Ascolta l'audio-articolo

La bambina, che si ritiene avesse circa tre giorni, era stata lasciata in una scatola avvolta in un panno al gelo. Ora si cercano i parenti.

Salvata da cinque adolescenti una neonata: era stata abbandonata a -20° - www.meteoweek.com
Salvata da cinque adolescenti una neonata: era stata abbandonata a -20° – www.meteoweek.com – Credit: Pixabay

A soli tre giorni dalla sua nascita è stata abbandonata all’interno di una scatola, avvolta solo da un panno, durante il rigido inverno della Siberia. La notizia arriva dalla Bbc, l’emittente radiotelevisiva del Regno Unito. È successo nel villaggio di Sosnovka, fuori Novosibirsk – nel cuore dell’immensa provincia russa – il giorno del Natale Ortodosso, che in Russia viene festeggiato il 7 gennaio. Si tratta di un periodo in cui le temperature hanno raggiunto i -20° e il congelamento è un rischio concreto. A maggior ragione per una bambina appena nata, lasciata al gelo senza cura, latte o acqua.

Fortunatamente, la neonata è stata trovata da un gruppo di cinque adolescenti che erano usciti insieme per fare una passeggiata in compagnia durante la giornata di festa. Lo hanno raccontato i genitori di uno dei cinque amici che hanno salvato la bimba, durante un’intervista rilasciata al quotidiano russo Ngs. I ragazzi si erano incontrati per passare del tempo insieme, e a un certo punto si sono imbattuti in un oggetto per la strada che ha attirato la loro attenzione. Durante il loro itinerario, ormai al buio, il gruppetto ha notato una scatola. “Era già buio e quando hanno visto la scatola per strada l’hanno illuminata con i loro telefoni, raccontano Dmitry e Anna Litvinov. Al suo interno la neonata coperta solamente da uno straccio, con il biberon accanto.

Leggi anche: Per Bersani con Draghi al Quirinale “il sistema non reggerebbe”

Dmitry e Anna Litvinov sono i genitori di Renat, che li ha chiamati per primi subito dopo la scoperta e l’iniziale stupore. Madre e padre sono arrivati subito sul posto per portale insieme la bambina all’ospedale. La preoccupazione era che potesse aver subito un congelamento e potesse dunque non farcela. Ma non è andata così. La curiosità di cinque adolescenti le ha salvato la vita. Ora però bisognerà rintracciare i genitori o i parenti della neonata.

Leggi anche: Mentre Israele autorizza la somministrazione della quarta dose, in Turchia è stata annunciata la quinta

Innanzitutto per capire cos’è successo, dal momento che la polizia russa ha aperto un’indagine per tentato omicidio di minore. In secondo luogo perché i signori Litvinov, genitori di Renat e altri due ragazzi, si sono già fatti avanti per adottare la piccola. Prima, tuttavia, è necessario appunto cercare di rintracciarne la madre o qualche altro parente stretto. Solamente una volta appurato che non sia possibile rintracciare nessuno, si potranno avviare le pratiche per l’adozione.