Milano, vigile urbano disarmato e assalito dopo aver sparato colpo in aria [VIDEO]

Ascolta l'audio-articolo

Il vigile era in borghese e si stava occupando di un servizio contro i vandali, poi il colpo in aria e l’aggressione

Milano, vigile aggredito-Meteoweek.com

In alcuni filmati diffusi nelle chat e sui social si vedono litigare un ragazzo e un uomo che sta rientrando in auto. Poi una pistola e altri ragazzi. Parte un colpo, che per fortuna non colpisce nessuno. È notte a Milano, sono circa le due. Ad avere l’arma in mano è un vigile urbano, che si sta appostando in borghese per un servizio anti vandalismo. Ma andiamo con ordine. Da una prima ricostruzione, verso le pre 1:45 di notte tra il 14 e il 15 gennaio, tra via Coni Zugna e via Fra Pacioli, zona Navigli, due agenti in borghese della polizia locale sono appostati per «accertamenti» in merito ad alcuni atti vandalici in quell’area.

Da tempo i residenti avevano segnalato tali episodi. Pare che, come avrebbe riportato il vigile ai suoi colleghi, uno dei ragazzi si sarebbe messo di fronte all’auto, e il vigili sarebbe sceso dalla macchina qualificandosi. A quel punto altri ragazzi del gruppo avrebbero cercato di assalire il vigile che ha tirato fuori l’arma d’ordinanza, come confermato da un video che mostra l’uomo con la pistola circondato da altri giovani.

Uno, da dietro, gli toglie un berretto di lana e lui per reagire spara un colpo in aria per provare a farli allontanare. In un filmato di 25 secondi si vede il resto. L’agente assalito da un giovane vicino alla porta della macchina di servizio grida «guardate che è carica deficienti», mentre lui tenta di immobilizzargli il braccio e altri giovani che gridano «togli la pistola».

Leggi anche:—>Texas, attacco in sinagoga: liberati ostaggi e ucciso sequestratore

Uno dei ragazzi prova a dare un calcio al vigile, e nella colluttazione il ragazzo prende l’arma dalla canna e il vigile dal “calcio”. Dall’arma parte infine un colpo che finisce a terra. Il filmato si chiude così.

Leggi anche:—>Djokovic mandato via dal’Australia: respinto il ricorso. Lui:«Sono molto deluso, adesso mi riposerò»

Da quanto avrebbe riportato il vigile, i ragazzi sarebbero riusciti a portargli via la pistola per poi buttarla sotto una macchina in sosta prima di pestarlo e scappare. Tutto mentre il collega in auto allertava la centrale. Ma le pattuglie sarebbero giunte sul posto solo diversi minuti dopo. Sul caso è scattata un’inchiesta della polizia locale.