Vigile aggredito a Milano: individuati alcuni degli autori

Ascolta l'audio-articolo

Sono stati identificati in parte alcuni dei ragazzi che nella notte fra venerdì e sabato hanno aggredito un agente della polizia locale di Milano in borghese. Fra di loro, spiega una nota del Comune, c’erano “alcuni maggiorenni in trasferta a Milano e provenienti da fuori regione, almeno uno di Bolzano”.

La pattuglia della polizia locale in borghese si trovava nella notte di sabato, intorno all’1:45, in zona viale Coni Zugna per un normale servizio di controllo di tipo informativo. Nei giorni precedenti erano arrivate segnalazioni di atti di vandalismo alle auto parcheggiate. Secondo quanto spiegato dal comune, uno degli agenti, di 61 anni, è stato notato da un gruppo di ragazzi mentre faceva delle foto. Lo hanno quindi avvicinato e accerchiato.

LEGGI ANCHE > Strangola la moglie poi confessa l’omicidio al datore di lavoro: fermato un 49enne

“Guardate che è carica, deficienti”

L’uomo si è qualificato e ha sparato “un colpo in aria per farli allontanare” inutilmente, perché mentre tentava di risalire in auto è stato “aggredito da alcuni” di loro che nella colluttazione hanno cercato di togliergli di mano l’arma mentre – si vede nel video – lui diceva “guardate che è carica, deficienti, guardate che è carica” prima che partisse un secondo colpo verso terra. I ragazzi, sono riusciti a disarmarlo e a prenderlo a calci. Nel frattempo il secondo agente ha potuto allertare la Centrale Operativa e sul posto sono arrivate due pattuglie.

LEGGI ANCHE > Vuole uccidere l’infermiere, ma accoltella un agricoltore: la vendetta per un “errore sanitario”

Il gruppo di aggressori è fuggito lanciando l’arma sotto un’auto parcheggiata. Subito sono partite le indagini che hanno fatto individuare alcuni del gruppo, composto da una dozzina di giovani. Tra di loro risultano alcuni maggiorenni in trasferta a Milano e provenienti da fuori regione, almeno uno di Bolzano. E infatti nel video si sente anche parlare tedesco. “La Polizia locale, in contatto con l’Autorità Giudiziaria – fanno sapere dal Comune -, sta acquisendo tutte le prove video, testimoniali e ogni ulteriore elemento emerso per arrivare all’identificazione di tutto il gruppo”.