Seconda serata Sanremo 2022, ecco come è andata

Ascolta l'audio-articolo

L’omaggio a Monica Vitti, e poi Checco Zalone show. Al fianco di Amadeus Lorena Cesarini, italo-senegalese, che ha raccontato come i social le abbiano dato contro quando l’hanno scelta per Sanremo

Checco Zalone-meteoweek.com

Dopo 21 anni è tornata sul palco dell’Ariston Elisa, che si è presa il primo posto in classifica provvisoria con il brano “O forse sei tu”. In seconda posizione Mahmood e Blanco, che restano ancora favoriti dai bookmaker per la vittoria, ma si prevede una gara che terrà tutti col fiato sospeso fino all’ultimo.

La kermesse si apre con il ricordo dell’attrice Monica Vitti, morta ieri a 90 anni. «Avremo per sempre l’indimenticabile Monica Vitti», sono le parole di Amadeus. «Ci tengo a nome di tutti noi a iniziare in maniera diversa, spendendo parole dettate dal sentimento e dall’amore per una grande attrice. È una scomparsa non solo per il mondo dello spettacolo ma per l’intero Paese. Con le sue interpretazioni sempre diverse ha fatto piangere, pensare e ridere, quando al cinema le donne che interpretavano ruoli comici erano una rarità». 

Checco Zalone sul palco dell’Ariston

Checco Zalone-meteoweek.com

È però anche il momento per Sanremo di sorridere sulla pandemia, ed ecco arrivare Checco Zalone nei panni di un virologo che ha tutti “i difetti” dei virologi che in questi anni abbiamo visto passare in televisione. Zalone indossa un cappello e una sciarpa bianchi e interpreta Oronzo Carrisi, esperto virologo e cugino del più noto Albano. Non vuole dire nulla del più famoso cugino, «anzi lo detesto. Mi ha rovinato l’esistenza, mi ha oscurato per cinquant’anni, sulla targhetta nello studio avevo scritto ‘cugino di Albano dottor cugini di Albano’ ma finalmente le cose sono cambiate, ora è lui lu cuginu di lu virologo. Prima in paese il virologo era sotto il podologo e appena una ‘nticchia sotto l’estetista. Poi c’è stato il riscatto». 

Il comico dice a «vulcanogi, tornadologi  e maremotologi»: «Non vi preoccupate, prima o poi Fabio Fazio chiama anche voi». Il dottor Oronzo avvisa che «la pacchia è finita» e con l’andamento dei contagi meno grave, «la gente vogliono uscire, la gente si divertono».

E infine Amadeus che chiede al dottor Oronzo:«La pandemia è finita?» e lui:«È una domanda che denota grande ignoranza, non si può chiedere a un virologo se è d’accordo con un altro virologo, vuol dire non capire un cazzo di virologia».

Lorena Cesarini-meteoweek.com

Sul palco dell’Ariston c’è anche l’attrice italo senegalese Lorena Cesarini, lanciata dalla fiction “Suburra”, che legge le offese contro di lei scritte sui social dopo la notizia che avrebbe partecipato a Sanremo. L’attrice spiega con fermezza ciò che ha da dire:«A scuola e all’università non avevo mai subito razzismo. E ora, a 34 anni, scopro che non è vero che sono un’italiana come tante, che resto una nera. Da quando Amadeus mi ha chiamato ho scoperto che evidentemente il colore della pelle è ancora un problema». 

Leggi anche:—>Don Paolo Romeo muore di Covid a 51 anni: diceva che «i vaccini contengono cellule derivate da feti abortiti»

È poi il momento del ritorno di Laura Pausini, che non nasconde l’emozione:«Anche stasera mi sono emozionata. Dopo così tanti anni, la gente si chiede ‘ma cosa c’ha ‘sta Pausini?’. Ma ogni volta che vengo qui è veramente un colpo al cuore».