Oltre un milione di tasse non pagate, ex pilota Alessandro Nannini rischia processo per bancarotta

Ascolta l'audio-articolo

La Procura contesta al fratello della cantante di essere responsabile di “operazioni dolose che avrebbero provocato il fallimento” dell’azienda di famiglia.

Guai in vista per l’ex pilota di Formula 1 Alessandro Nannini, fratello della cantante Gianna: rischia di andare a processo per bancarotta fraudolenta per la gestione dell’azienda di famiglia, la “Pasticcerie Nannini”, fondata dal nonno Guido e della quale è stato dichiarato il fallimento il 14 febbraio 2019. All’ex pilota, ora 62enne, la Procura contesta “di non aver versato all’erario tasse e contributi così da accumulare una notevole esposizione debitoria di circa un milione e 200mila euro”.

La richiesta di rinvio a giudizio

Un giovane Alessandro Nannini ai tempi della F1 – Meteoweek

Secondo il pm Francesco Marinaro, saremmo in presenza di “operazioni dolose che avrebbero provocato il fallimento della società”, sta scritto nella richiesta di rinvio a giudizio. Come riferito da diversi giornali, tra i quali Il Corriere della Sera, l’accusa mossa a Giannini è anche quella di aver fatto scomparire i libri contabili. In questo caso, tuttavia, di recente i documenti amministrativi sarebbero stati ritrovati.

LEGGI ANCHE -> Meloni: “Non devo niente a Berlusconi”. E Mediaset chiude le porte a FdI

“Siamo fiduciosi di poter dimostrare che entrambi i capi d’imputazione siano senza fondamento”, ha dichiarato l’avvocato Fabio Pisillo, legale e difensore di Nannini. Fissata per il 4 maggio l’udienza preliminare.

LEGGI ANCHE -> Omicidio Raffadali, parla il padre: “Ho ucciso mio figlio, mi minacciava”

Una carriera importante da pilota, quella di Alessandro Nannini. Dopo aver fatto esperienza nel rally e nelle categorie minori,  fa il suo esordio in Formula 1 nel 1986, con la Minardi. Nel 1988 approda in Benetton e due anni più tardi manca di un soffio il passaggio alla Ferrari. La sua carriera in F1 viene però bruscamente interrotta nel 1990 quando, nel rientrare nella tenuta di famiglia a Siena alla guida del suo elicottero, viene sbalzato fuori dalla cabina: un’elica gli causa gravissime lesioni a un avambraccio costringendolo così a dire addio alla Formula 1. Dal 2001 al 2014 assume la carica di presidente delle “Pasticcerie Nannini”, la storica azienda di famiglia, fondata dal nonno Guido, specializzata nella produzione di dolciumi.