Ucraina, parte petizione per candidare Zelensky e il popolo ucraino al Nobel per la Pace

Ascolta l'audio-articolo

Un gruppo di politici europei vuole candidare il presidente Zelensky e il popolo ucraino al Nobel per la Pace anche se i termini sono scaduti.

La procedura di nomina avviene al di fuori dei termini previsti, ma una petizione chiede al Comitato norvegese di fare un’eccezione vista l’eccezionalità delle circostanze.

Quando si cimentava nella carriera da attore aveva forse sognato l’Oscar. Chissà se avrebbe mai pensato che qualcuno un giorno potesse candidarlo invece al Nobel per la Pace. Lui naturalmente è Volodymyr Zelensky, il presidente ucraino che sta stupendo tutti per le sue doti di comunicatore.

La proposta di candidarlo al Nobel è partita da un gruppo di politici europei che si sono rivolti al Comitato norvegese dei Nobel. La data ultima per le candidature al premio scadeva il 31 gennaio, ma i firmatari della candidatura propongono di prolungarla almeno fino al 31 marzo così da poter consentire la nomina del presidente ucraino e del suo popolo.

Un omaggio al coraggio del popolo ucraino

Il premio con l’effigie di Alfred Nobel – Meteoweek

Nella lettera trova spazio, stando a quanto riferisce Ukrinform, un omaggio al “coraggio del popolo ucraino che ha resistito a questa guerra condotta contro di loro dalla Federazione Russa”. La nomina di Zelensky e della popolazione ucraina è motivata, affermano gli estensori della lettera, da un’esigenza di solidarietà nei confronti di questo popolo coraggioso che sta “combattendo per preservare la democrazia e l’autogoverno” e per “resistere alle forze dell’autoritarismo”.

La petizione è stata sottoscritta da 36 politici di diversi paesi europei come Paesi Bassi, Gran Bretagna, Germania, Svezia, Estonia, Bulgaria, Romania e Slovacchia. I leader politici di tutto il mondo avranno tempo per firmarla fino al 30 marzo. A detta degli esperti, la richiesta di cambiare la procedura di nomina del Nobel per la pace è un unicum nella storia del premio. Ma del resto, ribattono i proponenti, anche la guerra tra Russia e Ucraina è un caso senza precedenti in Europa, almeno dalla Seconda guerra mondiale ad oggi. Ad ogni modo, il Comitato per il Nobel non ha ancora reso nota la sua risposta.