Assalto Cgil, in carcere No Vax di estrema destra per la manifestazione di ottobre

Ascolta l'audio-articolo

Arrivano altre misure della polizia per l’assalto alla Cgil, a margine della manifestazione di Piazza del Popolo del 9 ottobre scorso.

Colpiti diversi militanti di estrema destra, uno di loro è finiti anche in carcere.

C’è un arresto tra le cinque misure eseguite dalla Digos di Roma per l’assalto alla sede della Cgil del 9 ottobre 2021. È Nicola Franzoni, noto per la sua appartenenza a movimenti orbitanti nella galassia dei No vax e per la sua vicinanza all’area dell’estrema destra.

Per lui, oltre ai reati di devastazione e saccheggio aggravato, violenza e resistenza a pubblico ufficiale aggravata, ci sono anche le accuse di istigazione a disobbedire alle leggi e di violazione della misura di prevenzione del divieto di ritorno nel Comune di Roma.

Mentre all’obbligo di dimora e obbligo di presentazione alla pg è stato sottoposto Claudio Toglia. È considerato vicino a Forza Nuova e appartenente al gruppo ultras juventino ‘Antichi valori’. Avrà l’obbligo di dimora e di presentazione alla pg dal lunedì al sabato dalle 16 alle 17. Gli altri tre provvedimenti hanno colpito Alessandro Brugnoli, anche lui militante di Forza Nuova, Mirko Passerini ed Emiliano Esperto. Non potranno allontanarsi da casa dalle ore 17 alle 22.