Operaio morto in casa vacanza Cartabia, indagato impresario

Ascolta l'audio-articolo

Indagato il titolare dell’impresa edile che stava eseguendo i lavori di ristrutturazione nella casa del ministro della Giustizia.

L’accusa è di omicidio colposo per la morte di un operaio durante i lavori.

Il luogo della tragedia – Meteoweek

Due giorni fa un operaio di 39 anni è morto a Ollomont nel cantiere della casa di montagna del ministro della Giustizia Marta Cartabia. Per l’incidente, avvenuto durante i lavori di ristrutturazione, un uomo è finito nel registro degli indagati. Si tratta dell’impresario edile Massimo Facchini. È il titolare dell’omonima impresa di Gignod  (Aosta) che sta ristrutturando la casa di villeggiatura del ministro Cartabia. L’accusa è quella di omicidio colposo.

Facchini è seguito dall’avvocato Corrado Bellora mentre il fascicolo è nelle mani del pm Francesco Pizzato. Stando alle prime ricostruzioni, l’operaio – Costantin Cobanel, originario della Romania e residente a Aosta – è rimasto schiacciato sotto una putrella che gli è piombata addosso per cause ancora non chiare.