Cerca di ingannare 86enne con la “truffa dell’incidente” per farsi dare soldi o preziosi: denunciato truffatore

Un truffatore ha cercato di raggirare un’anziana signora ultraottantenne simulando la classica “truffa dell’incidente”.

Ma la donna non si è fatta ingannare e ha reagito con prontezza e destrezza riuscendo a sventare la truffa.

È dovuta intervenire la Polizia, ad Assisi, dopo la segnalazione in Questura per una tentata truffa. Ai danni, ancora una volta, di un’anziana. Gli agenti, una volta sul posto, si sono fatti raccontare tutto. La donna, 86 anni, ha spiegato di aver ricevuto una telefonata, attorno alle 14:30, da parte di un uomo che si era qualificato come un carabiniere. Il quale, dopo averla messa al corrente che sua figlia era stata coinvolta in un incidente, le aveva chiesto di versare 3 mila euro, in contanti o gioielli, per risarcire i danni provocati.

Dopo qualche minuto qualcuno aveva poi suonato alla porta. Affacciandosi sulle scale, l’anziana signora ha spiegato di aver visto un uomo. Si era presentato a lei come un incaricato dal Tribunale per la riscossione della somma destinata a risarcire l’incidente provocato dalla figlia. Ma l’86enne a quel punto si è insospettita e non gli ha consentito di introdursi in casa sua.

Durante il colloquio col finto carabiniere, la donna ha aggiunto che a intervenire in suo aiuto c’era stata una vicina che aveva intimato al truffatore di andarsene, avvisandolo che in caso contrario avrebbe chiamato le forze dell’ordine. Così il falso incaricato, intimorito, si è allontanato in macchina.

Gli agenti hanno tranquillizzato la signora, ancora sotto choc per il tentativo di truffa, e si sono complimentati con lei per la lestezza e l’abilità con cui aveva affrontato il truffatore. Poi l’hanno invitata ad avvisare sempre le forze dell’ordine in caso di circostanze sospette. Gli investigatori, grazie alla descrizione della vicina, hanno rintracciato il truffatore. Per lui è giunta la denuncia per tentata truffa.