Ubriaco fradicio al volante, si scaglia contro i Carabinieri pigliandoli a pugni: arrestato 50enne

Fine settimana movimentato a Gubbio, dove un cinquantenne ha aggredito i Carabinieri che lo avevano fermato mentre guidava sotto l’effetto dell’alcol.

Dopo che il test ha confermato che l’uomo era ubriaco è scattata l’aggressione a suon di insulti e pugni.

Stava uscendo in macchina dal centro storico di Gubbio. Fin qui tutto normale. Se non fosse per un piccolo particolare: era palesemente ubriaco. La sua guida incerta non è sfuggita ai Carabinieri che sabato scorso, 11 giugno, stavano controllando i luoghi “caldi” della movida. Fermato e sottoposto all’etilometro, gli è stato rilevato un tasso alcolico pari a 2,21 g/l, cinque volte oltre il limite consentito. A quel punto l’uomo, sulla cinquantina, è andato in escandescenze. E ha cominciato a inveire contro i militari, minacciandoli. Poi, all’improvviso, si è scagliato contro uno di loro sferrandogli un pugno alla spalla.

Si aggirava con un cacciavite lungo 24 cm

Gli uomini dell’Arma non sono rimasti a guardare e lo hanno bloccato. Dopo l’arresto per resistenza a pubblico ufficiale, i Carabinieri hanno perquisito il cinquantenne. Scoprendo che se ne girava con un cacciavite della lunghezza di 24 centimetri nascosto nella tasca posteriore dei pantaloni.

Così per lui è scattata la denuncia alla Procura della Repubblica di Perugia anche per il porto ingiustificato di oggetti atti ad offendere e per essersi messo al volante o alla guida in stato di ebbrezza. Il giudice del Tribunale di Perugia ne ha convalidato l’arresto. Poi ha disposto nei suoi confronti la misura cautelare dell’obbligo di presentarsi alla polizia giudiziaria.