Ucraina, russi respinti da Sloviansk: rallenta l’offensiva di Mosca in Donetsk

Le forze di Mosca continuano nella loro offensiva, soprattutto in direzione di Sloviansk. Ma l’esercito ucraino ha respinto l’assalto.

Altra strage di civili a Vinnytsia, dove sono morte oltre venti persone a causa di un attacco missilistico russo.

Le truppe russe continuano ad attaccare nella regione di Donetsk. L’offensiva si concentra soprattutto attorno alla città strategica di Sloviansk, ma senza riportare successi. E’ lo scenario emerso dall’ultimo bollettino dello Stato maggiore delle forze armate ucraine. Verso Sloviansk, si legge nel rapporto apparso su Facebook, “il nemico ha aperto il fuoco su Barvinkove, Dibrivne, Kurulka, Podolivka, Chepil, Krasnopillia e Bohorodychne e ha tentato l’assalto a Kurulka, ma ha fallito e si è ritirato“.

Nella zona di Kramatorsk, vicino al confine con la Russia, “l’invasore ha bombardato le aree di Hryhorivka, Siversk, Kramatorsk, Verkhniokamyanske, Zakitne, Serebrianka e Spirne con artiglieria e razzi, e ha lanciato attacchi aerei vicino a Verkhniokamyanske e Mayaky”. Un’altra delle zone interessate dagli attacchi delle truppe di Mosca è la regione di Kharkiv, nel Nord-Est dell’Ucraina, dove “il nemico ha attaccato con l’artiglieria le aree di Derhachi, Cherkaska Lozova, Dementiyivka, Ruski Tyshky, Cherkaski Tyshky e Slatyne”.

Lo stallo dell’esercito russo trova conferma nel bollettino dell’intelligence di Londra. Nelle ultime 72 ore, fanno sapere gli 007 britannici, non ci si sono stati significativi progressi nell’offensiva delle truppe di Mosca in Donbass. Secondo l’ultimo rapporto dell’intelligence britannica, i russi continuano a martellare con l’artiglieria su un vasto fronte di guerra. Ma gli attacchi non hanno portato finora a significativi progressi territoriali. Il rischio adesso per Mosca è perdere lo slancio dopo dopo la conquista di Lysychansk. Questo, fanno sapere da Londra, a causa dei mezzi e delle armi e le tattiche dell’era sovietica.

Missili su Vinnytsia: è strage di civili

Sono almeno 23 i civili morti, tra i quali tre bambini, nel corso di un attacco missilistico russo sulla città ucraina di Vinnytsia. Il sindaco di Mykolaiv denuncia il bombardamento di Mosca su obiettivi civili. Il capo dell’amministrazione militare regionale locale, Serhiy Borzov, citato dall’agenzia Ukrinform, ha aggiunto che a causa del raid russo almeno 90 persone hanno dovuto chiedere aiuto alle istituzioni mediche, 51 sono state ricoverate in ospedale, ha reso noto Borzov. Kyrylo Tymoshenko, vice capo dell’ufficio del presidente ucraino, ha fatto sapere che Vinnytsia è stata colpita con missili da crociera Kalibr lanciati da un sottomarino russo nel Mar Nero.

Le forze russe hanno bombardato anche Bashtanka, un centro abitato nel sud dell’Ucraina nella regione di Mykolayiv. Qui i russi hanno lanciato sei razzi alla periferia. Lo riferisce l’agenzia Unian citando il capo del Consiglio regionale di Mykolaiv, Hanna Zamazeyeva, secondo la quale i campi di grano sono andati a fuoco. “Soccorritori e agricoltori stanno facendo il possibile per salvare il raccolto”, ha detto Zamazeyeva.

E’ aumentato il bilancio del bombardamento russo a Zaporizhzhia. Il conto dei feriti è salito ad almeno 14 civili feriti: è il bilancio degli attacchi missilistici russi sulla città ucraina di Zaporizhzhia. A renderlo noto è stato l’ufficio del procuratore generale ucraino. Lo riporta il Kyiv Independent, spiegando che due missili hanno centrato un’azienda commerciale non identificata nella città. Danneggiata gravemente la struttura dell’azienda. I soccorritori continuano a operare sul posto. Precedentemente si era parlato di almeno 7 civili rimasti feriti nell’attacco.