Salvini come Mussolini, a Vercelli scoppia il putiferio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:08

Due religiosi della parrocchia di Santa Maria Maddalena, a Vercelli, firmano un editoriale che paragona il leader leghista Salvini a Mussolini. Il leghista Tiramani subito risponde.

Matteo Salvini come il dittatore Benito Mussolini. Sul bollettino della parrocchia di Santa Maria Maddalena, a Vercelli, il leader leghista viene paragonato a Mussolini e si scatena una polemica. Nello specifico, a scatenare il putiferio è stato l’editoriale di fine anno firmato da Don Massimo e il diacono Rocco, dove si raccontano i fatti più salienti che hanno caratterizzato il nostro Paese, da Trump all’Ilva.

I due religiosi hanno così scritto: “Salvini, rompendo l’alleanza con Di Maio e i Cinquestelle, si è dato la zappa sui piedi. Aveva detto “datemi pieni poteri”, ricordandoci un’altra figura del nostro passato italiano che i pieni poteri se li era presi con gli stessi atteggiamenti populistici e di salvatore della patria. Ma quanti lutti, quanta sofferenza e quanta vergogna l’Italia avrebbe dovuto vivere…”.

Leggi anche: Giuseppe Sala e la fede: “sono a disagio durante la comunione”

Leggi anche: Caso Xylella | Bellanova risponde, scoppia la polemica 

E ancora: “Salvini ha tentato il colpo sfiduciando il premier Conte, e ora, dall’opposizione, ripromette di rifarsi con le prossime votazioni. Io mi auguro che si possa contare sull’intelligenza e il buon senso degli italiani”.

Non si è fatta attendere la risposta del deputato leghista Paolo Tiramani, già condannato in secondo grado per il caso Rimborsopoli, che su La Stampa afferma: “Da uomo cattolico nutro molta fede e molto rispetto. Tuttavia non capisco alcuni preti che utilizzano ogni mezzo per fare dell’assurda politica”.

Contattato da Fanpage, Don Massino però rivendica le sue parole: “Io ho detto semplicemente che di persone che si sono presentate come salvatori della patria li abbiamo già avuti  con tutte le conseguenze che ne sono venute”. “Il bollettino è un tentativo da parte mia di leggere la situazione italiana e quella internazionale così come la vedo io. Poi ognuno la vede a modo suo e vota chi vuole”.

“Non voglio – conclude il sacerdote – far polemica con nessuno e non ho offeso nessuno, è solo il mio punto di vista che, come faccio ogni anno, comunico anche ai miei parrocchiani, poi se le persone lo condividono bene, altrimenti si tengono le loro idee”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui