Funerali Gaia e Camilla, il parroco: “Dobbiamo riflettere su questa ora buia”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:17

Don Gianni Matteo Botto durante i funerali di Gaia e Camilla: “Pensiamo tutti di essere un po’ padreterni, superuomini, e poi non riusciamo a seguire le regole comuni”.

Oggi i funerali di Camilla Romagnoli e Gaia Von Freymann, le due sedicenni rimaste travolte e uccise da un suv a Corso Francia, nella notte fra sabato e domenica scorsa. Centinaia le persone accorse nella parrocchia del Preziosissimo Sangue di Nostro Signore in via Flaminia Vecchia, a Roma. Il giovane alla guida di un suv che le ha travolte, il 20enne Pietro Genovese, si trova da ieri agli arresti domiciliari. La messa è stato officiata da don Gianni Matteo Botto.

“Questo terribile incidente – ha detto don Botto durante l’omelia – ha fatto crollare ogni sovrastruttura della nostra vita. Le nostre prosopopee, le nostre chiacchiere. Qual è il senso della nostra vita? Mandarla in fumo? Berci la nostra vita? Questa è vita? O sono finte libertà? Un arbitrio che in realtà toglie la libertà perché ci toglie la consapevolezza”. “E magari – ha proseguito il sacerdote – quando sei sbronzo ti metti pure a guidare. In fondo pensiamo tutti di essere un po’ padreterni, superuomini, e poi non riusciamo a seguire le regole comuni”.

Leggi anche: Varese, auto vola sul tetto di una casa

Leggi anche: Funerali Camilla e Gaia: l’ultimo saluto alle due vittime della strada

“Siamo abituati a vivere tra tecnologie e innovazione eppure brancoliamo nel buio ed è quello su cui dobbiamo riflettere: su questa ora buia”. “Da giorni ci chiediamo il perché. Ci interroghiamo sull’insensatezza di quanto accaduto. Brancoliamo nel buio. Ecco quello di oggi è il grande abbraccio che diamo ai genitori di Gaia e Camilla, in questa ora così buia”.

Anche la sorella di Camilla è intervenuta: “Eri la piccola di casa. Tu che trovavi imbarazzo ogni volta che si parlava di te, non ti piaceva sentirti gli occhi addosso. Ti sentivi imperfetta. E invece si è persa una delle fondamenta della nostra famiglia”, così Giorgia, la sorella di Camilla. “Oggi le nostre notti sono la cosa peggiore della giornata. Tempo fa avevi chiesto a tavola, quale fosse il senso della vita e non ti ho saputo rispondere . Oggi una risposta ce l’ho: il senso della mia vita sei tu“.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui