Elezioni Emilia Romagna, Bonaccini: “Vinciamo per scuotere l’Italia”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:16

Il governatore e candidato dem parla direttamente dall’autodromo di Imola. “Noi abbiamo un progetto per il futuro di questa regione”, dice Bonaccini.

bonaccini

Prosegue la campagna elettorale in Emilia Romagna, dove a fine gennaio si terranno le elezioni. E Stefano Bonaccini, l’attuale governatore nonchè candidato del Partito Democratico, ha scelto di parlare dall’autodromo di Imola. Il rappresentante del centro-sinistra ha fatto capire l’importanza di queste elezioni. Anche perchè, stando a sentire le sue parole, questa tornata elettorale ha il suo valore anche per il resto dell’Italia, e non solo per la sua regione.

Se vinciamo in Emilia-Romagna, da qui parte una riscossa per l’Italia. L’Emilia-Romagna rappresenta qualcosa di importante anche per il resto del Paese. In gioco c’è il futuro di questa regione, la sua identità e i suoi valori. Prima ancora del programma c’è un’idea di società diversa da quella dei nostri avversari, un’idea diversa dell’identità dell’Emilia-Romagna. Noi abbiamo un progetto per il futuro di questa regione“. Questo, in sintesi, è il discorso che Bonaccini ha pronunciato presso l’autodromo dedicato a Enzo e Dino Ferrari.

Beppe Sala e Stefano Bonaccini al comizio di Imola – meteoweek.com

Il candidato del Pd è stato accompagnato in questa occasione da Beppe Sala, il sindaco di Milano. Proprio il primo cittadino del capoluogo lombardo ha voluto pronunciare il suo endorsement nei confronti di Bonaccini: “Ci tengo tantissimo che Stefano vinca. Milano e l’Emilia Romagna hanno molto in comune. Se rimaniamo in una dimensione internazionale prosperiamo, garantiamo un futuro. Ma questi qua (riferimento alla Lega, ndr) sono quelli che un giorno Borghi e Bagnai dicono ‘usciamo dall’euro’, e il giorno dopo Salvini li va a prendere per l’orecchio. Sono quelli che a livello europeo stanno vicino alla Le Pen. Sono quelli che quando vanno a Mosca, Salvini e Savoini sembrano Totò e Peppino. E lo dico con rispetto di Totò e Peppino“.

La scelta di Imola come sede di questo comizio non è stata casuale nell’idea di Bonaccini. Proprio qui, un anno fa, il Pd rappresentato proprio dall’attuale governatore subì una clamorosa sconfitta. E in questo senso arriva la spiegazione del candidato dem. “Abbiamo scelto Imola perché è una città importante, qui abbiamo perso il Comune che oggi è senza guida. Questo significa ripartire dal territorio“.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui