The Grudge | Come il reboot si collega all’originale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:19

Non è un’impresa facile riportare sul grande schermo una saga molto amata per proporla a un nuovo pubblico. Ma The Grudge è pronto a tornare per spaventare nuove generazioni.

Il regista Nicolas Pesce si è sforzato di fare proprio questo con il reboot di The Grudge, il remake americano del film horror giapponese del 2004 intitolato Ju-On: The Grudge. Il film, che funge sia da aggiornamento che da sequel, prova ad ampliare la storia principale dei suoi predecessori e offre alcuni momenti inquietanti non presenti nei capitoli precedenti. In ogni caso c’è un innegabile collegamento tra il nuovo adattamento e il film originale.

The Grudge | Un nuovo film ma fedele all’originale

Come fan autodidatta di Ju-On: The Grudge e Ju-On: The Grudge 2 che ha creato il franchise come lo conosciamo oggi, il regista si è impegnato per aggiungere le proprie idee al prodotto originale, piuttosto che creare un semplice remake, come il film del 2004. Ha spiegato di aver scoperto che i film giapponesi di questa saga erano più simili a un’antologia – “ogni film è un insieme diverso di personaggi, ha una trama diversa e un’ambientazione diversa” – e ha ritenuto che ci fosse una finestra chiara per “fare un nuovo film dell’antologia, pur rimanendo fedele alla mitologia preesistente”.

The Grudge | I punti di forza della saga horror ripresi dal regista per il nuovo film

Penso che siamo rimasti veramente fedeli a ciò che il regista originale di Grudge Takashi Shimizu ha trasmesso in quei primi film. Il film inizia in Giappone nella vecchia casa e prosegue da lì. E’ stata sempre nostra intenzione usare la mitologia preesistente come punto di partenza“. Pesce era ben consapevole della sua responsabilità e ha scelto con cura i punti di forza principali della saga horror da usare nuovamente nel suo film: una trama non lineare, i capelli bagnati e gocciolanti dei fantasmi, dita che sporgono sul retro della testa di qualcuno sotto la doccia e persino, in una certa misura, il dramma familiare.

Ogni film di Grudge viene raccontato attraverso più personaggi e storie intrecciate. È un po’ un enigma. Dal punto di vista testuale, volevamo mantenere tutto questo. Ma penso che con questo film, abbiamo calcato un po’ di più la mano sul dramma familiare” ha spiegato Pesce. “La narrazione non lineare è sempre stata la cosa a cui eravamo attaccati.”

Leggi anche: Netflix | 5 film horror da recuperare in streaming

The Grudge | La visione di Nicolas Pesce

Come ha notato Pesce, c’è una linea sottile da seguire quando si ripropone un classico horror. Si potrebbe anche lasciarsi trasportare dalla propria visione e portare il reboot lontano dai suoi predecessori, facendolo sembrare qualcosa di diverso nel modo sbagliato. Pesce sapeva che era importante raggiungere quell’equilibrio, e ha provato a mantenere il nuovo The Grudge il più radicato possibile. Per il regista ciò significava far sembrare i fantasmi il più realistici possibile in un modo che richiamasse alla mente i film di rancore giapponesi originali.

Penso che l’opportunità che The Grudge mi ha fornito sia stata, ancora una volta, di guardare indietro ai film giapponesi, non è solo un tipo di” fantasma spaventoso “. Non è il tipo tradizionale di storia di fantasmi della casa stregata. Ci sono elementi di psicosi, la paura del buio, ci sono fantasmi, e molte trame diverse.