Peter Jackson | il nuovo documentario del regista de Il Signore degli Anelli

Arriverà finalmente anche in Italia They Shall not Grow Old, stupendo documentario prodotto e diretto da Peter Jackson (Il Signore degli Anelli, Lo Hobbit), presentato ormai due anni fa alla Festa del Cinema di Roma.

Il film, già arrivato in sala in altre nazioni, ha incassato 21 milioni di dollari in tutto il mondo. Sarà Mescalito Pictures a portarlo anche nelle sale cinematografiche italiane i prossimi 2, 3 e 4 marzo.

Il formidabile documentario di Peter Jackson

Il documentario è stato realizzato da Peter Jackson in occasione del centenario della fine della Prima guerra mondiale ed è una delle operazioni tecnologicamente più ardite ed interessanti mai compiute sul genere. Impiegando infatti tecnologie all’avanguardia e rimettendo mano a vecchi filmati e audio d’archivio, risalenti a più di cent’anni fa, Jackson ha infatti trasformato le immagini di partenza, in formato quattro terzi e in bianco e nero, in immagini panoramiche colorate attraverso l’intervento del 3D e della computer grafica. Il risultato è stupefacente, tanto da rendere il film più simile ad un war-movie che ad un documentario.

Una impresa tecnologica

Jackson, per la realizzazione di They Shall not Grow Old, si è letteralmente immerso negli archivi della Bbc e dell’Imperial War Museum di Londra. Il risultato finale è il ricordo nostalgico un esercito composto principalmente da soldati giovanissimi che non sono mai riusciti ad invecchiare. Partiti per la guerra con adolescenziale entusiasmo patriottico e sulle spalle uno zaino contenente un solo cambio di calzini, convinti che l’Inghilterra avrebbe trionfato.

Leggi anche: Netflix | 5 documentari da recuperare in streaming

La guerra dei giovani

Per realizzare il film il regista de Il Signore degli Anelli ha analizzato oltre 600 ore di materiale dell’archivio cinematografico a sua disposizione, componendo poi il suo film e rimasterizzando le immagini in digitale 3D colorizzato con una tecnica innovativa. Le immagini (originariamente mute) sono accompagnate dai commenti dei veterani di guerra. Una sottolineatura indispensabile per raccontare in maniera efficace quella guerra in cui persero la vita milioni di giovani.