Categorie
Cinema

Tesoro mi si sono ristretti i ragazzi | 5 motivi per realizzare il sequel del film

Hollywood potrebbe prendere in considerazione la realizzazione di produrre il sequel del film Tesoro mi si sono ristretti i ragazzi per 5 motivi.

Tesoro, mi si sono ristretti i ragazzi, uno dei film più visti della fine degli anni ’80, è diventato un cult per vari motivi. La trama curiosa a cavallo tra il comico e il fantascientifico, unita agli effetti speciali e alla simpatia dei protagonisti lo hanno reso tra i film per la famiglia più apprezzati.

La notizia che tiene banco in questo ultimo periodo, riguarderebbe la possibilità di vedere nuovamente la famiglia Szalinski al cinema. Sicuramente il pubblico riuscirà a premiare questo intento, soprattutto perché non si tratterà di un reboot, ma di un sequel. Tenuto a bada l’entusiasmo iniziale, ecco quali sono i 5 motivi che potrebbero trasformarlo in un vero successo.

Avventure all’aria aperta

Sicuramente il fattore nostalgia su questo film ha il suo peso, soprattutto per chi è cresciuto durante quegli anni e ha vissuto al cinema l’avventura della famiglia più strana d’America. A incuriosire il pubblico e renderlo un successo, potrebbe essere la possibilità di ambientarlo fuori da un laboratorio. Magari i bambini potrebbero essere coinvolti in un’avventura all’aperto. Nick da piccolo era un nerd con un sacco di allergie che dovevano sfidare il deserto del cortile.

Un grande cast

Da che mondo è mondo, quando un film presenta un cast composto dai nomi più importanti del cinema internazionale è già un ottimo motivo per far andare la gente a vederlo in sala. Per ora, nel sequel reciteranno sicuramente Josh Gad e Rick Moranis i quali interpreteranno Nick Szalinski e Wayne Szalinski. Per quanto riguarda i bambini, la speranza è che vengano presi degli sconosciuti, così da rendere il tutto più leggero, naturale e divertente.

Leggi anche: La Storia Infinita | alcune verità mai raccontate del film cult anni ’80

Un bel mix di effetti speciali di alto livello

Quando il primo film uscì al cinema era il 1989 e diciamo che in quel periodo gli effetti speciale erano alle prime armi. Forse proprio con film come questi, si sono sviluppati i primi esperimenti, perfezionati nel corso degli anni.

Tesoro mi si sono ristretti i ragazzi diretto da Joe Johnston è stato tra i film adatti a tutta la famiglia con il maggior numero di effetti speciali, utilizzando anche miniature, scenografie in larga scala, sculture e pupazzi robotici. Sicuramente, con il nuovo film grazie alla CGI il confine tra ciò che è reale e ciò che è astratto diventerà invisibile.

Leggi anche: Ritorno al Futuro | I protagonisti si rivedono e si scattano una foto

Riconoscere il passato

Prima di costruire una nuova storia è fondamentale tenere in considerazione il proprio passato. Se la Disney avesse messo in cantiere un remake la questione avrebbe subito una certa variazione, in tal senso.

Ma trattandosi di un sequel, è indispensabile ricordare ciò che è accaduto anni prima. Riguardo il nuovo film, ci sono alcune voci che circolano sulla trama e i personaggi, abbastanza interessanti. Sicuramente ci sarà Nick Szalinski che ha ristretto i suoi figli, ma quello che per ora non è ancora certo ruota intorno ai bambini Amy e Adam e la madre Diana.

Non renderlo un film troppo costoso

Un aspetto importante è il fatto che se non fosse trapelata l’idea di realizzare un sequel, sicuramente molti di voi avrebbero pensato a una versione per Disney+. Il secondo film sarà un prodotto destinato al cinema, che vedrà il coinvolgimento di Rick Moranis, dopo tanti anni. Un elemento fondamentale è di non stravolgere totalmente la storia iniziale, ma di modificarla solo in alcuni punti.

Leggi altre notizie di cinema: Clicca Qui

Non deve essere rappresentato un mondo straordinario, ma solo la vita di una tipica famiglia americana alle prese con la scienza. La sua mission è di essere riconosciuto come il film della nuova generazione, scansando il primo capitolo dopo più di 30 anni.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *