Harvey Weinstein | L’ex mogul di nuovo ricoverato dopo sentenza

La condanna a 23 anni di carcere deve aver provocato un ulteriore malore all’ex produttore Harvey Weinstein

harvey weinstein- meteoweek.com

L’ex mogul dell’industria cinematografica si è sentito male subito dopo la condanna a 23 anni di carcere. Ha accusato dolori al petto e pertanto è stato trasferito subito in ospedale per dei controlli. La stessa cosa era accaduta qualche settimana fa, quando era arrivata la sentenza di colpevolezza per stupro aggravato.

Il malore accusato dopo la condanna

La notizia del malore di Harvey Weinstein è stata riportata dal media Variety. Il portavoce ha detto che l’ex produttore è attualmente ricoverato al Bellevue Hospital di New York City. Dopo la sentenza a 23 anni l’uomo era stato trasferito a Rikers Island per ordine del tribunale di Manhattan Ha quindi iniziato ad avere dolori al petto e lo staff del Rikers ha deciso di rimandarlo al Bellevue “per sicurezza”, ha detto il suo portavoce.

harvey weinstein-meteoweek.com

Leggi anche -> Ben Affleck era sulla lista nera dei pettegoli di Harvey Weinstein

Leggi anche -> Weinstein condannato a 23 anni: la reazione di Asia Argento

Le parole del portavoce dell’ex produttore

“Apprezziamo la cura e la preoccupazione dei funzionari e del personale del Dipartimento correttivo”, ha affermato il portavoce. Martedì Harvey Weinstein è stato condannato a 23 anni di prigione dallo Stato di New York con l’accusa di aggressione sessuale e stupro di terzo grado. Sarà formalmente registrato in carcere come molestatore sessuale. L’accusa ha esortato il giudice a dare all’ex mogul la pena massima di 29 anni; la difesa ha invece chiesto al giudice di condannarlo a una pena minima di cinque anni. Questo in gran parte a causa della sua età e della sua cattiva salute.

Leggi altre notizie di cinema -> Clicca qui

“Il Sig. Weinstein è un uomo malato ”, ha detto al giudice il suo avvocato principale, Donna Rotunno. “Ha una moltitudine di problemi.” L’avvocatessa ha anche continuato dicendo che, secondo lei, l’uomo potrebbe addirittura non sopravvivere alla condanna minima richiesta, quella a cinque anni. “Questa è una circostanza molto triste, ma è un fatto potenziale”.