Coronavirus | le donazioni delle star di Hollywood a favore della ricerca

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:42

Tra i tanti appelli di aiuto apparsi sui social network per sconfiggere il coronavirus, scopriamo le donazioni di 5 star di Hollywood.

Non c’è che dire, quando il mondo ha bisogno di aiuto, dal punto di vista economico e morale, i divi di Hollywood sono sempre pronti a mettere mano al portafoglio e a utilizzare il loro nome e la loro fama a favore di associazioni e campagne di solidarietà. Qualcuno potrebbe dare per scontato il loro contributo, ma fatto sta che in questo mondo nulla deve essere mai dato per scontato.

Sono tantissimi gli attori, i cantanti e gli influencer che in questi giorni stanno tenendo compagnia a milioni di persone sparse per il mondo, costrette a rimanere in casa a causa della pandemia del coronavirus. Vedere questo genere di azioni, fa ben sperare che in fondo un po’ di bontà e umanità esiste ancora.

Tra i tantissimi volti noti del panorama cinematografico, televisivo e musicale abbiamo scelto 5 star di Hollywood che sono scesi in prima linea contro il coronavirus.

Ryan Reynolds e Blake Lively

Una delle coppie più belle, invidiate e apprezzate di Hollywood ha dichiarato attraverso un post su Instagram di aver donato 1 milione di dollari da dividere tra la Feeding America e la Food Banks Canada. Inoltre, l’attore ha voluto incoraggiare i suoi 35 milioni di follower a donare qualsiasi cifra, anche piccola, a favore di associazioni che hanno bisogno di fondi. Ryan Reynolds ha concluso il post dicendo che tutti devono prendersi cura di se stessi e di non lasciare le persone da sole. Immancabile il suo tocco burlone, scrivendo il numero di telefono ‘falso’ del collega Hugh Jackman.

La bellissima Blake Lively, seguendo il post del marito si è unita alla richiesta di aiutare il più possibile tutti coloro che ne hanno bisogno. E per la serie “chi va con lo zoppo impara a zoppicare”, anche lei ha fatto una battuta, sulla ‘distanza emotiva’ di Reynolds nei confronti della suocera.

Leggi anche: Coronavirus | 100 milioni da Netflix per sostenere settore cinema e tv

Jimmy Fallon

Ora che il suo programma di successo The Tonight Show è stato bloccato, il conduttore Jimmy Fallon è sempre presente nel dare sostegno e aiuto alla banche del cibo come la Feeding America. Per incentivare chi lo segue a fare una buona azione, lo scorso 15 marzo sul suo profilo Instagram ha postato lo screenshot di una donazione, coprendo per eleganza e privacy, la cifra versata a favore dell’associazione. Sicuramente i 17 milioni di follower avranno dato ascolto alle sue parole.

Rihanna

Oltre alle banche alimentari di tutto il mondo, ci sono altre realtà che necessitano di un aiuto sostanzioso. La cantante delle Barbados, Rihanna ne sa qualcosa, visto che ha deciso di adottare un approccio differente nel fare beneficenza. Pochi giorni fa, la celebre pop star ha annunciato che attraverso la sua organizzazione non profit, Clara Lionel Foundation, avrebbe donato 5 milioni di dollari a diverse organizzazioni.

Alcune di queste: Direct Relief, Feeding America, Partners In Health, COVID-19 Solidarity Response Fund dell’Organizzazione mondiale della sanità, The International Rescue Committee e numerose altre. La fondazione spera di fornire fondi sufficienti per sostenere la fornitura di cibo, attrezzature per gli operatori sanitari, formazione e distribuzione delle forniture respiratorie.

Leggi anche: Coronavirus, Armani converte stabilimenti per produrre camici per i sanitari

Justin Bieber

Justin Bieber è stato uno dei primi ad aver capito che il coronavirus sarebbe stato un vero problema per tutto il mondo. Molto prima che il COVID-19 arrivasse in Italia, Spagna e in America, Bieber decise di donare 29 mila dollari alla Fondazione di beneficenza Chunmiao di Pechino in Cina, per far in modo che i bambini risultati positivi al coronavirus potessero essere aiutati adeguatamente.

Leggi altre notizie di cinema: Clicca Qui

Nel post del 13 febbraio, la superstar canadese ha detto ai suoi fan cinesi, e alla nazione nel suo insieme, che sarebbe stato con loro durante questo momento difficile, versando 29 mila dollari come atto di solidarietà.