Coronavirus, Armani converte stabilimenti per produrre camici per i sanitari

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:03

Giorgio Armani scende in campo ancora per aiutare gli operatori sanitari impegnati nella lotta al Coronavirus e converte i suoi stabilimenti per produrre camici monouso.

"Coronavirus,

Il gruppo Armani ha ampliato le donazioni che erano state fatte nei giorni scorsi agli ospedali Luigi Sacco, San Raffaele, Istituto dei Tumori di Milano e Spallanzani di Roma e alla protezione civile. Oltre alla cifra di un milione e 250mila euro, Armani ha deciso di supportare anche le attività degli ospedali di Bergamo, di Piacenza e della Versilia.

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI CRONACA >  CLICCA QUI

Il gruppo Armani, inoltre, ha deciso anche di convertire i propri stabilimenti sul territorio italiano per produrre camici monouso destinati alla protezione degli operatori sanitari impegnati nell’emergenza di Coronavirus.

LEGGI ANCHE > Coronavirus, personale della casa di riposo in quarantena, 83 anziani da soli

Con i nuovi stanziamenti, la cifra totale delle donazioni di Giorgio Armani ha raggiunto la cifra di 2 milioni di euro. A dare comunicazione della volontà di Giorgio Armani di intervenire ancora in aiuto del personale sanitario impegnato contro l’epidemia di Coronavirus è stato lo stesso gruppo attraverso una nota diffusa nel primo pomeriggio.

LEGGI ANCHE > Lamorgese denuncia sindaco di Messina, che ribatte: “Presto in tribunale”

Gli stabilimenti interessati erano dedicati alla produzione di giacche e abiti, che hanno reso il marchio lombardo tra i più famosi ed eleganti nella storia della moda e del cinema. Armani converte, così, la sua produzione italiana per fornire i sanitari dei camici di cui erano sprovvisti per mancanza di rifornimenti.

Un aiuto anche dal gioielliere Damiani

Non solo l’alta moda ma anche l’alta gioielleria italiana mette a disposizione le proprie risorse per dare una mano nella lotta al Coronavirus. Così Guido Damiani, presidente del gruppo di famiglia, ha deciso di mettere a disposizione della protezione civile il nuovo stabilimenti e i nuovi uffici di Valenza, il distretto orafo d’eccellenza italiana.

Guido Damiani mette a disposizione gli stabilimenti di Valenza (Getty) - meteoweek.com
Guido Damiani mette a disposizione gli stabilimenti di Valenza (Getty) – meteoweek.com

In questo momento di grande preoccupazione e di dichiarata emergenza, io e i miei fratelli abbiamo deciso di dare un contributo concreto agli ospedali perché possano continuare a disporre della strumentazione necessaria a salvare la vita delle persone. Inoltre, abbiamo messo a disposizione della Protezione Civile i dodicimila metri quadrati di quella che sarà la prossima sede della nostra manifattura“, ha dichiarato il presidente del gruppo Damiani.