Coronavirus, in vigore controlli più severi su chi arriva in Italia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:42

Coronavirus, nuove strette. Il ministero delle Infrastrutture comunica: da oggi sono entrate in vigore nuove disposizioni per chi fa ingresso in Italia. 

coronavirus controlli italia
Ministra delle Infrastrutture Paola De Micheli (foto di Andreas Solaro, da Getty Images)

Nuova ordinanza e nuovi controlli per gestire l’emergenza coronavirus: da oggi chiunque entrerà in Italia sarà soggetto a controlli più stringenti. E’ quanto confermato dal ministero delle Infrastrutture che comunica le misure contenute in un’ordinanza firmata dalla ministra De Micheli e dal ministro della Salute Speranza. In una nota, il Mit comunica: ”Da oggi entrano in vigore disposizioni stringenti per chi fa ingresso in Italia e scrupolose misure organizzative che devono adottare i vettori e gli armatori, al fine di contrastare il diffondersi dell’emergenza epidemiologica da Covid-19”.

Controlli all’imbarco: certificazioni e misure di sicurezza

In sostanza chiunque arriverà nel territorio nazionale sarà tenuto a consegnare all’imbarco una dichiarazione che specifichi il motivo del viaggio. L’autocertificazione dovrà anche indicare luogo di residenza o dimora in Italia dove avrà luogo il periodo di sorveglianza e l’autoisolamento. Inoltre, bisognerà comunicare anche il mezzo utilizzato per raggiungere la residenza e un recapito telefonico.

LEGGI ANCHE -> Coronavirus: aumentati i casi in Vaticano, ma il Papa non è coinvolto

Oltre alla certificazione, all’imbarco saranno applicate tutte le misure di prevenzione convenzionali. I vettori e gli armatori dovranno misurare la temperature dei passeggeri prima dell’imbarco.  Se la temperatura supererà i 37,4 gradi, l’imbarco verrà negato. E ancora: i vettori dovranno fornire ai passeggeri le mascherine.

Dopo l’imbarco, non finisce qui

coronavirus controlli italia

Ma superato l’imbarco, i controlli continueranno all’arrivo. Una volta giunti in Italia, tutti saranno tenuti “a comunicarlo immediatamente al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio”. In tal modo si sottoporranno a sorveglianza sanitaria e all’isolamento fiduciario per 14 giorni.

LEGGI ANCHE -> Coronavirus, Lopalco: “Ancora qualche settimana di stretta sorveglianza”

Se in quel frangente sorgeranno sintomi da coronavirus, scatterà l’obbligo di comunicarlo all’Autorità sanitaria. Le prescrizioni sono valide anche per chi entra in Italia tramite mezzo proprio o privato. In sostanza: le limitazioni alla mobilità applicate su tutto il territorio nazionale si sposteranno anche alle frontiere.