Home Cronaca Coronavirus, in arrivo il vaccino: a giugno test in Belgio e Germania

Coronavirus, in arrivo il vaccino: a giugno test in Belgio e Germania

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:03
CONDIVIDI

La tedesca CureVac comincerà a giugno i test clinici sul vaccino contro il coronavirus in Belgio e Germania; a luglio gli studi clinici.

Coronavirus, in arrivo il vaccino: a giugno test in Belgio e Germania – meteoweek

Leggi anche –> Coronavirus: 90 tonnellate di aiuti da Wuhan ad Australia

Ci siamo: il vaccino sul coronavirus starebbe proprio per arrivare. L’azienda tedesca CureVac spera di partire con i test sull’uomo tra giugno e luglio. Il vaccino è stato messo a punto dallo Jenner Institute di Oxford, l’Irbm Science Park con sede a Pomezia, fino al 2009 di proprietà di Merck Sharp & Dohme, la stessa che nel 2014 uscì con un vaccino anti Ebola. Sarà la volta buona? Ormai gli annunci sui vaccini si moltiplicano da mesi. Johnson&Johnson promette studi clinici col suo anti-Covid entro settembre, primi lotti entro il 2021. La CureVac ha dichiarato che l’obiettivo dei test è «esaminare che tipo di anticorpi vengono indotti dal vaccino, ma anche comprendere, per le persone che sono state infettate dal virus, qual è la risposta immunitaria che è stata indotta». «Quando avremo raccolto tutti questi risultati, avremo delle discussioni con le autorità e gli scienziati per vedere se il vaccino dovrà già essere utilizzato», e allora si deciderà se allargare lo studio a 10 mila o 20 mila persone, ha spiegato il presidente.

Leggi anche –> Coronavirus: ancora una frode sulle mascherine, stavolta milionaria

L’azienda tedesca ha dichiarato di sentirsi positiva per il futuro – meteoweek

Siamo convinti che questa tecnologia sia molto promettente e che possa essere utilizzata per Covid-19, anche se l’approccio deve essere ponderato. L’azienda l’ha anche utilizzata per il vaccino antinfluenzale e ha ottenuto risultati molto buoni”, ha sostenuto Jean Stéphenne. Come detto, il primo passo sarà testare il vaccino su adulti che non sono stati esposti al virus. Successivamente, il vaccino verrà iniettato nelle persone che sono state esposte, per vedere se ci sono altre reazioni. Il terzo passo sarà la somministrazione del prodotto agli anziani. Non abbiamo ancora deciso le dosi”. “Sarà molto importante esaminare i tipi di anticorpi che saranno indotti dal vaccino, ma anche capire, per le persone naturalmente infette, qual è la risposta immunitaria che si crea“, hanno poi concluso. La tedesca CureVac è una società biofarmaceutica con sede a Tubinga, città della Germania sud-occidentale, che sviluppa terapie basate sull’RNA messaggero e ha come obiettivo quello di sviluppare vaccini per malattie infettive e farmaci per il trattamento del cancro e delle malattie rare.