Bonus assunzione: a chi spetta e come richiederlo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:45

I datori di lavoro assumendo donne che risultano disoccupate o inoccupate da almeno 6 mesi, possono godere di uno sgravio sul versamento dei contributi previdenziali del 50%.

L’INPS conferma il bonus assunzione donne per il 2020

Lo Stato per ridurre il tasso di disoccupazione femminile, in particolar modo in alcune regioni italiane, ha disposto che qualora il datore di lavoro assuma una donna disoccupata o inoccupata da almeno sei mesi, potrà beneficiare di uno sgravio sul versamento dei contributi previdenziali. La riduzione sarà pari al 50% ed opererà per un anno nel caso in cui la donna sia stata assunta a tempo determinato, o avrà la durata di 18 mesi nel caso in cui la lavoratrice abbia un contratto a tempo indeterminato. Il legislatore non ha previsto limiti anagrafici ai fini dell’assunzione. Il bonus può però essere richiesto soltanto in determinate regioni italiane. Vediamo quali.

Quali sono le regioni in cui opera il bonus assunzione donne 2020

Il bonus assunzione per donne disoccupate o inoccupate, viene finanziato attraverso i fondi strutturali dell’Unione Europea, stanziati per contrastare il fenomeno della disoccupazione femminile in determinate aree del Paese. E’ necessario che la donna che si intende assumere sia residente in una delle seguenti regioni: Campania, Basilicata, Calabria, Puglia e Sicilia.Alcune aree specifiche di Abruzzo, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Marche, Liguria, Molise, Sardegna, Piemonte, Toscana, Lazio, Trentino Alto Adige, Lombardia, Veneto e Valle D’Aosta. Per poter usufruire del bonus è necessario dunque che la donna risulti residente in una delle regioni indicate e che risulti essere disoccupata o inoccupata da almeno 6 mesi. Così come chiarito con la Circolare n.34 del 25 luglio 2013 dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, vengono considerate prive di impiego regolarmente retribuito, le donne che negli ultimi 6 o 24 mesi: non abbiano avuto un rapporto di lavoro subordinato della durata pari o superiore a 6 mesi; non abbiano svolto attività lavorativa autonoma, lavori co.co.co o a progetto da cui sia derivato un reddito pari o superiore al reddito minimo personale annuale.

Come inoltrare la domanda

La domanda deve essere presentata telematicamente, accedendo al sito sito web dell’Inps. E’ necessaria la previa registrazione al sito prima di procedere alla compilazione dell’istanza.

LEGGI ANCHE—–>Coronavirus, effetto crisi su bar, ristoranti e affitti immobiliari

LEGGI ANCHE—–>Cassa integrazione in deroga fino al 31 luglio 2020. La decisione è vicina

Nell’apposita sezione dedicata, è presente il modulo Incentivi Occupazione Donne, che andrà compilato in ogni sua parte per poter richiedere ed ottenere la fruizione degli incentivi occupazione donne.

LEGGI ANCHE—–>La proposta di Maria Elena Boschi:”500 euro a famiglia per chi viaggia in Italia”

LEGGI ANCHE—–>Bonus da 600 a 800 euro: chi può richiederlo e perchè

Per poter fruire delle agevolazioni fiscali in merito al bonus assunzioni donne disoccupate 2020, i datori di lavoro devono:

adempiere quanto sancito dal Documento Valutazione Rischi in materia di igiene e sicurezza sul lavoro;

procedere all’assunzione di donne che abbiano requisiti richiesti;

assicurare che l’assunzione sia libera da obblighi preesistenti;

assicurare che l’assunzione sia finalizzata all’incremento netto dell’occupazione aziendale.