Claudio Amendola | Andrà tutto bene? “Mi sono rotto di sentirlo”

L’attore Claudio Amendola ha dichiarato di essersi stufato di ascoltare continuamente che “andrà tutto bene” e lo ha detto senza mezzi termini ai microfoni di Massimo Giannini a Radio Capital.

L’attore romano Claudio Amendola è molto pessimista sul futuro del mondo dello spettacolo. Con le nuove regole, infatti, le riprese di un film potrebbero durare anche sei mesi. Anche per questo motivo invita ad archiviare lo slogan “Andrà tutto bene”.

Claudio Amendola | non andrà tutto bene

A quanto pare non tutti se la sentono di appoggiare lo slogan “Andrà tutto bene”. Uno di questi è l’attore Claudio Amendola, intervenuto stamattina alla trasmissione radiofonica Circo Massimo. Amendola ha infatti dichiarato: “Mi sono completamente rotto i c*****oni. E non ne posso più di sentire che andrà tutto bene”. Su sollecitazione del giornalista, l’attore ha spiegato il suo pensiero: “Penso che la fretta che abbiamo tutti ci tornerà contro. Non credo che saremo pronti per la riapertura del 3 maggio. Sento che appena ci daranno un minimo di via libera sbrodoleremo fuori dalle case in maniera incontrollata”.

Leggi anche -> Coronavirus | rischio bancarotta per la più grande catena di cinema al mondo

Le parole dell’attore

L’attore ha ovviamente parlato del settore in cui lavora, quello dello spettacolo: “Per noi sarà molto difficile, leggo le norme che dovremmo tenere sui set, ed è praticamente impossibile lavorare. Le riprese dovrebbero durare sei mesi, si potrebbe fare una scena al giorno dicono di disinfettare i luoghi”, ha affermato. “ Che faccio? Disinfetto il capannone abbandonato dove c’è la scena dell’inseguimento del cattivo?”, si chiede Amendola. “Si parla senza sapere come funziona il nostro mestiere”.

La crisi del settore

Lo stesso discorso secondo Claudio Amendola vale anche per il teatro ed i concerti, un settore che rischia di entrare seriamene in crisi con le misure di distanziamento sociale. “Noi dovremmo convivere con il rischio che questa malattia comporti il fatto che determinati lavori o mestieri non possono riprendere”, chiude con amarezza l’attore e regista.