Home Gossip Syria è disperata: “Non posso vedere i miei genitori”

Syria è disperata: “Non posso vedere i miei genitori”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:27
CONDIVIDI

Syria sta male: la cantante si è lasciata andare ad un lungo sfogo su Instagram, raccontando di come stia vivendo il distacco dai genitori.

Syria

Un’immagine che esprime tanto sconforto quella pubblicata da Syria su Instagram: la cantante nasconde gli occhi gonfi di lacrime e nella didascalia spiega quanto sta accadendo.

La vincitrice del Festival di Sanremo ’96 comunica con i suoi follower attraverso un lungo e commovente messaggio. Syria condivide sentimenti comuni a tanti altri italiani separati forzatamente dalle proprie famiglia.

Syria in lacrime: la cantante sta soffrendo

“Questo autoscatto non è per esibizionismo, ma per condividere uno stato d’animo, perché probabilmente dal 3 giugno chi vorrà raggiungere i propri familiari nel Lazio non potrà”, scrive Syria visibilmente provata.

La cantante si riferisce al fatto che, quasi certamente, la Lombardia non consentirà gli spostamenti in regioni diverse dalla propria, almeno fino a quando la curva del contagio non rallenterà.

Syria è lontana dai suoi affetti da molto tempo e vive un momento di sconforto perché non sa quando potrà tornare ad avere un contatto diretto con la sua famiglia.

LEGGI ANCHE ——-> Veronica Ursida mangiatrice di uomini ? Armando machiavellico a Uomini e Donne

LEGGI ANCHE ——-> Gemma Galgani furibonda contro Valentina | Dama mai così cattiva a Uomini e Donne

Lontana dalla sua famiglia: lo sfogo della cantante su Instagram

Sa che è la cosa giusta da fare, ma non può fare a meno di soffrire per tutta questa situazione che la vede sola e lontana dalle persone più care.

“Giustamente dobbiamo tenere sotto controllo il livello dei contagi, non possiamo abbassare la guardia! Ma io oggi sto male,“ continua Syria via Instagram, “piango e non mi vergogno. Oggi mi sento fragile“.

View this post on Instagram

Questo autoscatto non è per esibizionismo, ma per condividere uno stato d'animo, perchè probabilmente dal 3 giugno chi vorrà raggiungere i propri familiari nel Lazio non potrà, perché giustamente dobbiamo tenere sotto controllo il livello dei contagi non possiamo abbassare la gurdia! Ma io oggi sto male, piango e non mi vergogno, oggi mi sento fragile, non ho una residenza a Roma, ma a Milano non ho scuse di lavoro per andarci e da figlia piango perché non vedo i miei da tempo, perché il tempo passa, perché devo resistere e mi mancano tantissimo tutti e sono un pò triste! Non ho contatti ravvicinati neanche con gli amici dal 25 febbraio, mi sento troppo responsabile, ho fatto il siereologico è negativo e tanto dura il tempo che dura e dovrei sistematicamente rifarlo per far si che abbia una validità perche a quanto pare bisogna giustificare il proprio stato di salute ogni settimana Sono tanto confusa..e scusatemi lo sfogo 🙏 Chiaramente ognuno ha le sue cose ben più serie magari.., e mi scuso se può sembrare un capriccio, ma tutti viviamo di sentimenti, siamo tutti esseri umani❤

A post shared by Syria (@syriaofficial) on

Speriamo che presto Syria possa condividere con i suoi follower un messaggio decisamente più felice di quello postato oggi, magari un’immagine che la ritrae felice e finalmente riunita alla sua famiglia. Questa Fase 2 appena cominciata sarà un banco di prova molto importante per gli italiani, che dovranno dimostrare di essere in grado di rispettare le giuste regole per evitare che il virus si diffonda nuovamente e con più forza.