Mattarella: “Csm, situazione grave: è necessaria una riforma”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:45

Il Capo dello Stato ha diffuso una nota in cui esprime la necessità di cambiamenti in seno al Csm. “Con una nuova riforma si andrebbe a salvaguardare il valore dell’indipendenza della magistratura”, scrive Mattarella.

mattarella

Sergio Mattarella vuole che la situazione relativa alla credibilità dei magistrati si risolva al più presto. Il presidente della Repubblica ha fatto emettere una nota ufficiale dal Quirinale, in merito alla situazione che è emersa negli ultimi giorni, con il caso Palamara che continua a tenere banco. Una situazione che, secondo il capo dello Stato, prevede che i tempi siano ormai maturi per una riforma del Consiglio Superiore della Magistratura. Il Csm, secondo Mattarella, ha bisogno di cambiare alcune carte in tavola. Anche perchè c’è in gioco soprattutto la credibilità dell’intero mondo della magistratura italiana.

Nella nota si legge che Mattarella si augura che il Parlamento provvedesse ad approvare una adeguata legge di riforma delle regole di formazione del CSM. Una riforma che contribuisca – unitamente al fondamentale e decisivo piano dei comportamenti individuali – a restituire appieno all’Ordine Giudiziario il prestigio e la credibilità incrinati da quanto appare”. In questo modo, come si legge nella nota che contiene le parole di Mattarella, si riuscirebbe a salvaguardare “l’indispensabile valore dell’indipendenza della Magistratura, principio base della nostra Carta”.

Leggi anche -> Luca Palamara e i rapporti con il pm di Ciro Grillo: messaggi, favori e partite di calcio

Leggi anche -> Donna si ribella alla mascherina: volano calci e pugni nel bar, poi l’arresto

Sergio Mattarella – meteoweek.com

“In riferimento alle vicende inerenti al mondo giudiziario – prosegue la nota del Quirinale – , assunte in questi giorni a tema di contesa politica, il Presidente della Repubblica ha già espresso a suo tempo, con fermezza, nella sede propria – il Consiglio Superiore della Magistratura – il grave sconcerto e la riprovazione per quanto emerso, non appena è apparsa in tutta la sua evidenza la degenerazione del sistema correntizio e l’inammissibile commistione fra politici e magistrati”. Dunque appare chiara la presa di posizione da parte del capo dello Stato sulle condizioni del Csm.

Leggi anche -> Bufera Procure, Salvini: “Azzerare subito Csm, Mattarella intervenga”

Sempre nella nota scritta dal presidente Mattarella e diffusa dal Quirinale, si parla in particolare della necessità di inserire alcune norme. “Il Presidente della Repubblica ha, in quella stessa sede, sollecitato modifiche normative di legge e di regolamenti interni per impedire – prosegue la nota del Quirinale – un costume inaccettabile quale quello che si è manifestato, augurandosi che il Parlamento provvedesse ad approvare una adeguata legge di riforma delle regole di formazione del CSM”.