Stasera in tv | 30 maggio | La giusta causa, a caccia della verità

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:37

Sabato 30 maggio alle ore 23.21 su Iris andrà in onda il legal thriller La giusta causa con Laurence Fishburne e Sean Connery.

Il 30 maggio alle ore 23.21 su Iris andrà in onda La giusta causa, un legal thriller sul tema della pena di morte (qui una piccola selezione di titoli sul genere), diretto da Arne Glimcher, con Laurence Fishburne, Sean Connery (celebre per il suo ruolo nei panni di James Bond ma anche per aver interpretato il papà di Indiana Jones), Kate Capshaw, Ed Harris.

La giusta causa | la trama del film

Paul Armstrong è un noto professore di Harvard, soprattutto per le sue idee liberali e la passata carriera come legale di successo. Il suo impegno contro la pena di morte lo conduce, per caso o per destino, ad accettare la richiesta di un’anziana donna di colore. Quest’ultima è convinta dell’innocenza del nipote, accusato otto anni prima di stupro e omicidio, rinchiuso in carcere in attesa della sentenza di morte.

Durante il primo incontro tra il professor Armstrong e il giovane emergono alcune riflessioni circa la reale colpevolezza di quest’ultimo. Soprattutto perché ad arrestarlo e a rendergli la vita più complicata in carcere ci ha pensato Tanny Brown, detective afroamericano conosciuto per i suoi metodi violenti e spesso poco ortodossi.

Leggi anche: #iorestoacasa con MeteoWeek | 5 film ambientati nella città di Istanbul

La giusta causa | il trailer del film

Leggi anche: Guida tv | Tutti i programmi tv del 30 Maggio 2020

La giusta causa | alcune curiosità sul film

Libero adattamento dell’omonimo romanzo di John Katzenbach, La giusta causa è un legal thriller capace di intrattenere e far riflettere al tempo stesso. Tra le curiosità che riguardano il progetto, c’è quella che vuole Sean Connery a rinunciare al ruolo di Re Edward I in Braveheart per vestire i panni dello stimato professor Armstrong.

Probabilmente la decisione fu dovuta anche al legame di amicizia con il regista Arne Glimcher. Mentre prima di Blair Underwood si era fatto il nome di Will Smith per la parte di Bobby Earl Ferguson, il giovane condannato a morte.

Perché vederlo: un buon legal thriller con dei colpi di scena inaspettati.