Incidente A1, arrestato il padre delle bimbe per omicidio stradale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:28

Incidente sull’A1: nella notte è stato arrestato per omicidio stradale il padre delle bimbe vittime dell’incidente. L’uomo sarà interrogato lunedì prossimo dal pm di Arezzo Roberto Rossi.

incidente A1
il luogo dell’incidente – foto via La Nazione

Nuovi risvolti sull’incidente sull’A1 che ha avuto luogo ieri, tra Arezzo e Monte San Savino, in direzione Sud. L’impatto, intorno alle 14:00 di ieri, è avvenuto all’altezza di Badia al Pino, nel comune di Civitella in Valdichiana, provincia di Arezzo. Lo schianto ha coinvolto un mezzo pesante e due automobili, provocando la morte di quattro persone, compresi due minori (un neonato e una bambina di 10 anni). Secondo quanto ricostruito dalla polizia stradale, le bambine si trovavano su una monovolume a sette posti, con altre cinque persone. Stando ai primi risultati della ricostruzione, la vettura avrebbe tamponato il tir fermo in corsia d’emergenza, per poi finire contro una seconda auto. Subito dopo l’incidente sono accorsi sul posto vigili del fuoco, ambulanze, elisoccorso, polizia stradale e personale di Autostrade. Fino a ieri erano ancora dubbie le precise dinamiche dell’incidente che ha condotto il conducente della monovolume a impattare contro il tir. Fin da subito l’uomo è stato sottoposto ai dovuti accertamenti, coordinati dal pm Roberto Rossi: il conducente era risultato illeso e negativo all’alcol test.

LEGGI ANCHE -> Forza Nuova, manifestazione a Roma picchiati i giornalisti

LEGGI ANCHE -> Scandalo Vaticano, legali Torzi: “Mai agito contro interessi Santa Sede”

Ora la notizia: l’uomo è stato arrestato nella notte per omicidio stradale. Sarà interrogato lunedì prossimo dal pm di Arezzo Roberto Rossi. L’uomo, trentenne di origine sinti, è il padre delle due giovani vittime. Ora è stato arrestato dalla Polstrada per omicidio stradale. L’incidente ha provocato anche la morte dei due nonni (50 e 52 anni), anche loro presenti nel minivan. L’impatto è stato talmente forte che subito dopo è stata predisposta la chiusura dell’autostrada per quattro ore, causando una coda di almeno 10 km e problemi di circolazione laterali anche alle uscite obbligatorie stabilite dalle autorità.