Home Gossip Renato Pozzetto, il dolore per la moglie: “Vorrei tanto sognarla”

Renato Pozzetto, il dolore per la moglie: “Vorrei tanto sognarla”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:20
CONDIVIDI

Renato Pozzetto si confessa in una lunga intervista al Corriere della Sera, raccontando di sua moglie, scomparsa 10 anni fa.

Vorrei sognare mia moglie

Renato Pozzetto il prossimo mese compirà 80 anni. Il famoso attore, cantante, comico, cabarettista, sceneggiatore e regista italiano si è raccontato al Corriere della Sera, ricordando il suo amore più grande, la moglie Brunella Gubler scomparsa nel 2009, lasciandogli un vuoto incolmabile.

“Mi diverto di giorno e di notte. Però vorrei sognare mia moglie, non è mai successo”, chiosa Pozzetto ripercorrendo la sua vita artista costellata da successi memorabili, che hanno fatto la storia nella televisione e del cinema italiano. Una vita felice al fianco di una donna conosciuta in età adolescenziale e che ha avuto al suo fianco per tutta la vita, anche se lei non era attratta dal mondo del Cinema.

Il racconto di Renato Pozzetto

“Era molto spiritosa. Avevamo 16 anni. È stato un grande amore, durato fino a 10 anni fa, quando è mancata. Lei non era affascinata dal cinema e questo mi ha aiutato. Non è mai voluta venire a Roma, mi ero organizzato con una casa sui Fori Imperiali, ma ha chiesto di restare a Milano vicino alla madre”. Racconta Renato Pozzetto.

Parlando della moglie, Renato Pozzetto non nasconde la commozione che rimane sempre forte, confessando che la pensa sempre intensamente e con tanto affetto. Un amore fondato su pilastri indistruttibili che neanche le trasferte di Renato hanno scalfito: “Se avesse avuto fondati sospetti sarebbe venuta a Roma. E non ero Mastroianni. Quando Marcello veniva a Laveno a trovarmi, uscivamo col motoscafo Riva e le donne lo acclamavano dalla strada”.

Renato Pozzetto, nonno felice

Dall’amore con Brunella Gubler sono nati i figli Giacomo e Francesca. Renato Pozzetto oggi è anche nonno e ammette che la differenza generazionale influisce sul rapporto con i nipotini:

“Mi filano poco. Sono educati, ma indipendenti. Li vedo sempre, ma hanno i loro giochi, l’Ipad. Sanno chi sono e cosa ho fatto? Non ne parlano mai, non mi chiedono niente. Sono talmente lontano dalla moda oggi, che non sono un esempio invidiabile ai loro occhi”

LEGGI ANCHE ——–>Sarcina rompe il silenzio sull’ex moglie Clizia: “La vita con lei…”

LEGGI ANCHE ——–>Giovanni Muciaccia , conoscete la moglie? Chi è l’ex miss

Con loro Pozzetto è un nonno affettuoso, così come lo è stato per i suoi figli, in contrasto con la rigidità ricevuta dal padre.